Cause dell’ansia sociale

La ricerca sulle cause dell’ ansia sociale e della fobia sociale è ampia, e comprende una molteplicità di prospettive dalle neuroscienze alla sociologia, anche se gli scienziati devono ancora individuare le cause esatte del disturbo. Gli studi suggeriscono che la genetica può giocare un ruolo importante in combinazione con i fattori ambientali. In generale, l’ansia sociale compare  in un momento specifico della vita di un individuo, e si svilupperà nel corso del tempo; alla fine quel lieve disagio sociale può iniziare a mostrare sintomi di ansia o fobia sociale. Probabilmente l’esempio più comune è quando una persona viene abusata emotivamente o fisicamente dai coetanei o  dai genitori in giovane età.

 

E ‘stato dimostrato che vi è una correlazione tra il disturbo e i fattori genetici, ad esempio  i bambini acquisiscono le paure sociali e la prevenzione attraverso processi di apprendimento osservando i parenti e la loro formazione psicosociale. Gli studi sui gemelli identici cresciuti (adozione) in famiglie diverse hanno indicato che, se un gemello sviluppa un disturbo d’ansia sociale , l’altro avrà tra il 30 %e il 50 % più probabilità rispetto alla media di sviluppare il disordine.  

Una precedente esperienza negativa sociale può essere un fattore scatenante della fobia sociale, forse soprattutto per gli individui molto sensibili. Per circa la metà di quelli con diagnosi di disturbo d’ansia sociale, uno specifico evento traumatico o umiliante sociale sembra essere associato con l’insorgenza o il peggioramento del disturbo; questo tipo di evento sembra essere particolarmente legato alla specifica fobia sociale , ad esempio per quanto riguarda parlare in pubblico; nonché  osservando o sentendo le esperienze socialmente negative di altri (ad esempio un passo falso commesso da qualcuno), o avvertimenti verbali dei problemi sociali e pericoli, è più probabile che possano produrre lo sviluppo di un disturbo d’ansia sociale. Il disturbo d’ansia sociale può essere causato da effetti a lungo termine. In uno studio, la popolarità è risultata negativamente correlata con l’ansia sociale, e i bambini che sono stati trascurati dai loro coetanei hanno un più alto tasso d’ansia sociale e la paura di valutazione negativa da parte  di altri bambini. Le reazioni dei coetanei, possono indurre i bambini all’isolamento.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2016 Frontier Theme