Come funziona la terapia cognitivo comportamentale per curare l’ansia e il disturbo di panico

come funziona terapia cognitiva ansia

Come funziona la terapia cognitivo comportamentale per curare l’ansia e il disturbo di panico

Descrizione del Trattamento: strategie primarie utilizzate nella terapia cognitivo comportamentale

Fase 1. Educare il paziente

Con il tempo i pazienti con ansia e disturbo di panico che, generalmente sono stati da medici diversi senza avere una diagnosi precisa, possono consultare uno specialista di salute mentale. In mancanza di informazioni, questi pazienti spesso immaginano che stanno per morire, impazzire o perdere il controllo; spesso sospettano che il medico ha trascurato qualche condizione fisica pericolosa per la vita, che spiegherebbe i loro sintomi. Pertanto, la fase di psico-educazione consiste nel fornire informazioni sul disturbo di panico.

Durante la sessione iniziale vengono definiti ansia, panico e agorafobia. Ogni sintomo è identificato come una caratteristica di disturbo di panico e viene dimostrato che è innocuo. Molti miti comuni fanno pensare che l’attacco di panico sia pericoloso (ad esempio, gli attacchi di panico sono un segno di un tumore al cervello, o che le palpitazioni causano attacchi di cuore, che l’ iperventilazione porta a svenimento, etc.). Lo sviluppo della malattia è inteso come una risposta psicologica allo stress, e il comportamento di evitamento e l’ansia anticipatoria sono visti come dei modi per prevenire gli attacchi di panico che si stanno per verificare.

Opuscoli e libri, sono strumenti educativi importanti in quanto possono essere riletti ogni volta che il paziente lo desidera.

Fase 2. Ristrutturazione cognitiva.

La ristrutturazione cognitiva è una componente della terapia cognitivo-comportamentale (CBT) e si basa sull’idea che i pensieri e le credenze (un po ‘di adattamento e alcuni disadattivi) di una persona sono associati a comportamenti di ansia e di evitamento. Durante il trattamento bisogna:

• Identificare come le cognizioni provocano il panico. In questa parte del trattamento, il paziente viene aiutato a identificare i pensieri distorti, e le interpretazioni che li associano al panico. Questo viene fatto esaminando i pensieri, le convinzioni e le ipotesi che sono presenti durante un episodio di panico o ansia

• Sviluppare il profilo tipico dell’attacco di panico attraverso una discussione approfondita: il paziente inizia questo esame prendendo in considerazione il primo o il più recente attacco e attraverso una serie di domande, il terapeuta cerca di determinare la sequenza di panico personale del paziente per scoprire da che cosa è indotto il panico. La validità di queste cognizioni viene poi esaminata.

Esempio di una sequenza tipica di panico:

• Ero seduto al cinema a guardare un film emozionante.

• Ho notato che il mio cuore ha cominciato a battere più velocemente (sintomo fisico).

• Ho pensato che questo battito cardiaco accelerato era il primo segno di un attacco di cuore o attacco di panico. Ho pensato che avrei perso il controllo e che avrei iniziato a urlare. Tutti avrebbero pensato che ero pazzo! (pensiero catastrofico).

• Sono diventato ancora più ansioso e preoccupato di perdere il controllo, e ho iniziato a sudare molto (escalation del sintomo fisico).

• Ho lasciato il cinema (fuga ed evitamento).

• Mi sentivo depresso e scoraggiato perché non riuscivo nemmeno a far fronte alla visione di un filmato (disperazione).

• Esplorazione dei pensieri del paziente. Questa parte della terapia cognitiva implica la conversazione per far capire al paziente che i pensieri che provocano l’attacco di panico sono distorti e non hanno nulla di reale. All’inizio del trattamento molti pazienti non sono consapevoli del loro pensiero; nella maggior parte dei casi, le persone elaborano le informazioni e pensano automaticamente. Il trattamento terapeutico dovrebbe promuovere il senso di comfort e di accettazione del paziente, al fine di facilitarne l’apprendimento e la comunicazione. I pazienti sono pregati di auto-monitorare le loro cognizioni (pensieri, convinzioni, percezioni) durante gli episodi di panico e scriverle, possono essere usati gli elenchi numerati. Dopo diverse sessioni bisogna rivedere in che modo queste cognizioni sono legate al panico; una sequenza di panico emerge chiara, e i pazienti cominciano ad apprezzare il ruolo che giocano i pensieri e le credenze.

• Valutare l’accuratezza dei pensieri e individuare le distorsioni. Una volta che il paziente diventa consapevole dell’importanza delle sue cognizioni (pensieri, credenze, percezioni, interpretazioni) che contribuiscono ad alimentare gli attacchi di panico, è in grado di valutare l’accuratezza di queste cognizioni. Le sensazioni fisiche di panico legate a fraintendimenti catastrofici sono mirate. Un altro errore di interpretazione comune che può essere preso di mira è la sovrastima delle conseguenze dell’attacco di panico ad esempio, l’umiliazione pubblica, perdere il lavoro, il rifiuto interpersonale. Il pensiero records può essere utilizzato per identificare rapidamente i pensieri del paziente, di esaminare la loro validità, e per sfidare il paziente a rispondere con piùtranquillità e meno ansia. E’ importante notare che la ristrutturazione cognitiva non è un “pensiero positivo”, ma invece è un focus che serve per insegnare alla gente a pensare in modo realistico e adattivo (vale a dire, del peso di elementi di prova).

• Decatastrofazzione. La fase finale della ristrutturazione cognitiva è la decatastrofizzazione che si realizza attraverso una serie di domande: che cosa succede se i tuoi peggiori timori si avverano?
– potrebbe essere davvero così disastroso come si immagina?
Consideriamo una persona che crede che avrà un attacco di panico se sale su un aereo, che urlerà selvaggiamente mentre cerca di fuggire; il suo peggiore timore è che avrà un attacco di panico, il risultato più probabile sarà una sensazione di grande disagio, senza urla, senza tentativi di fuga, e ‘imbarazzo.

Controllo e riqualificazione della respirazione

Il controllo respiratorio o riqualificazione professionale della respirazione aiuta le persone a ritrovare un senso di controllo sulle caratteristiche fisiche di panico e ansia. Ai pazienti viene insegnato un metodo di respirazione che aumenta il rilassamento e previene l’iperventilazione.

• L’iperventilazione, o respiro corto, causa sintomi fisici inquietanti come vertigini, dolore al petto, mancanza di respiro, e una sensazione di formicolio che può culminare in preda al panico. Questi sintomi infondono un senso di paura di non poter controllare il proprio corpo. Un periodo di stress e l’ansia, spesso aumentano la frequenza respiratoria, caratterizzata dall’uso dei muscoli del torace e da respiri brevi.

• Per combattere la tendenza all’iperventilazione, al paziente viene insegnata la respirazione diaframmatica (vale a dire, il respiro che coinvolge il movimento del ventre, non del petto) ad una velocità normale (vale a dire, circa 12 respiri al minuto). Questo esercizio viene praticato al di fuori della sessione in molti situazioni. I pazienti imparano a controllare la loro respirazione e arrivano a riconoscere che si tratta di una strategia efficace su cui si può fare affidamento in situazioni di panico.

Esercizi muscolari

Il training di rilassamento attraverso l’esercizio muscolare progressivo è destinato ad aiutare i pazienti ad acquisire un maggior senso di controllo sul loro corpo. E ‘praticata tutti i giorni come un modo per identificare e diminuire la tensione che altrimenti potrebbero degenerare in un attacco di panico. La tecnica di base consiste nella tensione e il rilassamento dei muscoli per raggiungere uno stato più sereno.

Visualizzazione di immagini

Spesso è utile discutere di situazioni ed esperienze ansiogene in grande dettaglio con immagini vivide, associazioni, e emozioni; ciò può contribuire a promuovere un reale cambiamento. Quando un paziente chiude gli occhi e immagina situazioni ansiogene, sono spesso inondati di ansia, confrontando tali situazioni ansiogene con l’occhio della mente, il cliente impara a far fronte e affrontare la situazione nella vita reale.

• Il terapeuta aiuta il paziente a visualizzare la situazione nel modo più dettagliato possibile. Quando il paziente descrive l’immagine temuta, il terapeuta pone domande importanti circa i pensieri e le sensazioni associate. Questo è lo scopo di elaborare l’immagine per aiutare i pazienti a sentirsi meno ansiosi e più in grado di controllarsi.

• Con il tempo, al paziente viene chiesto di visualizzare le tecniche di coping efficaci e le risposte. In questo modo, la visualizzazione serve da inoculazione – se il paziente può gestire piccole quantità di ansia create nello studio del terapeuta (l’ansia che si verifica durante l’esercizio immaginario), sarà meglio preparato a gestire l’ansia in un ambiente naturale al di fuori dello studio del terapeuta.

Esposizione

L’esposizione è la componente finale della terapia cognitivo-comportamentale (CBT), in cui il paziente si confronta con l’ansia e il panico provocati da stimoli. Questi stimoli possono essere situazioni esterne o sensazioni interne (vertigini, battito cardiaco accelerato, ecc.);

• In una situazione strutturata i pazienti si confrontano ripetutamente con la loro ansia e imparano a sviluppare adeguati meccanismi di coping , diventano meno ansiosi e più in grado di rispondere, senza ansia o panico. Nella lista base di situazioni temute individuate dal paziente , lui o lei è esposto a ciascuna di queste situazioni in una progressiva e sistematica escalation. Il terapeuta guida il paziente a utilizzare la capacità di coping per affrontare le situazioni ansiogene. Ad esempio, un esercizio di esposizione della situazione esterna può comportare la creazione di un elenco di cause in cui un paziente guida per distanze crescenti dalla sua casa su una strada o su un’altra strada temuta. Allo stesso modo, l’esposizione a sensazioni inquietanti interne si basa sulla lista personalizzata del paziente di sensazioni interne temute (ad esempio, vertigini, palpitazioni). La creazione di queste sensazioni può essere raggiunta utilizzando diversi metodi, come ad esempio la respirazione, lo spinning, e lo sforzo fisico durante la sessione di terapia. (ad esempio, guidare una cyclette per 2 minuti).

• L’utilizzo di un elenco di almeno una situazione più temuta consente alla terapia di progredire e sviluppare le realizzazioni passate. Il paziente impara prima a far fronte a situazioni leggermente ansiogene e poi affronta le situazioni più difficili. Di fronte all’ansia, il sostegno, la comprensione, la cura di un terapeuta aiuta i pazienti a utilizzare la nuova capacità di fronteggiamento, cioè il paziente impara a tollerare l’ansia, senza il bisogno di evadere.

• La pratica tra le sessioni è essenziale per un rapido progresso. I pazienti sono invitati a confrontarsi con gli stimoli dell’evitamento fobico almeno 3 volte durante la settimana. In primo luogo, il paziente completa l’esercizio di esposizione con l’aiuto del terapeuta, come ad esempio inducendo palpitazioni camminando su e giù per le scale per 3 minuti, e gli viene chiesto di praticare questo esercizio più tardi a casa. La fiducia in se stesso spesso aumenta nel momento in cui si rende conto che è in grado di gestire quest’esperienza precedentemente ansiogena per conto proprio.

La terapia cognitivo-comportamentale per il disturbo di panico è molto efficace. Perseguire questo tipo di psicoterapia comporta una notevole quantità di lavoro da parte del paziente e la volontà di affrontare l’ansia; quindi il primo passo necessario è quello di impegnarsi nel trattamento e utilizzare delle strategie che funzionano nel vostro caso. Se ci si impegna a migliorare e continuare la terapia, è probabile che si può vivere il panico gratuito.

Per quei pazienti con sintomi di panico da moderati a gravi, questo trattamento è meglio implementato da un esperto terapeuta nell’approccio cognitivo – comportamentale. E ‘facile essere sopraffatti e spaventati dai sintomi perciò risulta molto utile impegnarsi nelle strategie del trattamento. L’obiettivo del terapeuta è quello di strutturare il trattamento e preparare il paziente ad affrontare ogni passo in modo efficace; il terapeuta incoraggia, sostiene e cerca di motivare il paziente, ma non lo spinge a fare qualcosa che lui / lei non è pronto a fare. Infine, il terapeuta è sempre pronto a risolvere i problemi quando qualcosa non sta andando come previsto. Se si è pronti a impegnarsi, e il trattamento vi sembra ragionevole, allora non c’è motivo di ritenere che non si può migliorare la situazione. La buona notizia è che quasi tutti i pazienti coinvolti in questo tipo di programma di trattamento potranno avere benefici e sentirsi significativamente meglio.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2016 Frontier Theme