Cura dell’ansia

( COME CURARE L’ANSIA )

Abbiamo già detto che la probabilità di sviluppare un disturbo d’ansia è correlata ad una complessa combinazione tra esperienze individuali di vita, caratteristiche individuali di personalità e fattori genetici. La complessità di tale disturbo vuole che il modo di presentarsi, le cause scatenanti, i modi con cui il disturbo si mantiene siano differenti da paziente a paziente. I metodi elettivi di intervento sui disturbi d’ansia sono riconosciuti nella psicoterapia, a volte con il counseling (Colloquio psicologico), o nella farmacoterapia in combinazione con interventi psicologici.

Durante gli ultimi anni è aumentato l’interesse per le terapie focali e brevi, che tendono a fronteggiare i sintomi di ansia più direttamente piuttosto che esplorare conflitti inconsci o altre vulnerabilità personali. Queste terapie danno risalto tipicamente alla valutazione ed alla mediazione cognitiva e del comportamento

Gli scienziati delle terapie cognitivo-comportamentali stanno valutando le cause apparenti ed i rapporti esistenti fra i pensieri, le emozioni e i comportamenti; cosi come effettuare le strategie relativamente dirette per diminuire i sintomi e ridurre l’elemento critico del comportamento di evitamento. Secondo un altro modello di intervento di questa terapia (la tecnica di esposizione in vivo e in immaginativo) bisogna aumentare il tempo di esposizione agli stimoli o alle situazioni che generano ansia fino a quando la risposta ansiosa, raggiunto il suo culmine, non diminuisce di intensità spontaneamente; Principio fondamentale è, infatti, che l’esposizione prolungata allo stimolo temuto fa diminuire attendibilmente lo schema cognitivo negativo e i sintomi fisiologici di ansia. Senza la guida terapeutica il paziente solitamente si ritira dalle situazioni e dagli stimoli ansiogeni contribuendo involontariamente a rinforzare l’evitamento e il comportamento di fuga aumentando e cronicizzando così, di conseguenza, il senso di disagio. Il terapista con tecniche specifiche rassicura il paziente sulle caratteristiche delle situazioni ansiogene e informa tecnicamente sui meccanismi che stanno alla base del vissuto e delle manifestazioni sintomatiche. Questo programma può includere l’avvicinamento alla situazione temuta insegnando al paziente a usare le risposte che smorzano l’ansia, così anche come fare a rilassarsi profondamente imparando e utilizzando alcune tecniche specifiche come ad esempio quelle di training autogeno e di rilassamento muscolare progressivo di Jacobson; o ancora quelle di respirazione addominale.

Oggi vi sono molte prove che le terapie cognitivo-comportamentali sono trattamenti utili per una maggioranza dei pazienti con i disordini di ansia. Limitazione di questa terapia si ha quasi esclusivamente quando il paziente non vuole partecipare attivamente agli esercizi proposti dallo psicoterapeuta

Condividi questo articolo con chi vuoi bene
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2017 Frontier Theme