Disturbo di panico e attacco di panico: cosa sono e come distinguerli

disturbo di panico e attacco di panico

DISTURBO DI PANICO E ATTACCO DI PANICO: COSA SONO E COME DISTINGUERLI

Il disturbo di panico è spesso complicato da agorafobia e altri disturbi d’ansia o depressione. Il disturbo di panico si differenzia da un attacco di panico isolato, sia clinicamente che nel trattamento. Molti pazienti rispondono ad una combinazione tra cambiare stile di vita, in particolare controllando caffeina e alcol, e la terapia cognitivo-comportamentale. Per il disturbo di panico, le benzodiazepine ad alta potenza sono efficaci per il trattamento acuto e a lungo termine, ma hanno gli svantaggi di sedazione, interazioni farmacologiche e problemi di sospensione. Per il trattamento a lungo termine,l’imipramina è efficace, ma la mancanza di tollerabilità limita sostanzialmente il suo uso. La maggior parte dei nuovi antidepressivi sono probabilmente efficaci per il disturbo di panico, ma pochi sono stati approvati per questa indicazione. Fermo restando che la Psicoterapia rimane trattamento fondamentale per una completa guarigione sia nell’aspetto cogniti che comportamentale.

La separazione dei disturbi d’ansia in un numero di condizioni discrete ha migliorato la nostra comprensione di questi problemi, e ci ha abilitati a migliorare e focalizzare il trattamento migliore. Circa un terzo delle persone sperimenteranno almeno un attacco di panico nella loro vita; questo può verificarsi dopo un eccessivo uso di caffeina o alcol, o quando si è stanchi, stressati o altro. Questo è molto diverso dal disturbo di panico, in cui ci sono gli attacchi di panico ricorrenti e inaspettati e almeno uno degli attacchi è stato seguito da un mese o più di preoccupazione persistente di avere ulteriori attacchi. Vi è anche un cambiamento significativo nel comportamento relativo agli attacchi. Il disturbo di panico può avvenire con o senza agorafobia. Attacco di panico e disturbo di panico dovrebbero essere differenziate in quanto hanno bisogno di diversi interventi.

Attacco di panico: sintomi

Un attacco di panico è un periodo discreto di paura o disagio intensi, in cui quattro (o più) dei seguenti sintomi si sviluppano improvvisamente e raggiungono un picco entro 10 minuti:

• palpitazioni, batticuore, o tachicardia
• sudorazione
• tremore o agitazione
• mancanza di respiro o soffocamento
• dolore o fastidio al petto
• nausea o disturbi addominali
• sensazione di sbandamento, di instabilità, di testa leggera, o di svenimento
• derealizzazione (sensazione di irrealtà) o depersonalizzazione (essere distaccati da se stessi)
• paura di perdere il controllo o di impazzire
• paura di morire
• parestesie (intorpidimento o formicolio)
• brividi o vampate di calore.

Disturbo di panico: sintomi e criteri

I criteri per valutare l’attacco di panico comprendono il verificarsi di attacchi di panico ricorrenti e inaspettati con almeno uno degli attacchi che è stato seguito da un mese o più di:

• preoccupazione persistente di avere altri attacchi
• preoccupazione delle implicazioni dell’attacco o delle sue conseguenze, per esempio, perdere il controllo, avere un attacco di cuore, o di impazzire
• un cambiamento significativo nel comportamento relativo agli attacchi.

Il disturbo di panico può essere spontaneo, o una reazione a determinate situazioni. Il panico spontaneo si verifica apparentemente ‘di punto in bianco’; mentre può essere possibile identificare vulnerabilità preesistente come fatica, lavoro o stress familiare, per molti pazienti non è questo il caso. Ci può essere un fattore genetico che aumenta la vulnerabilità delle persone di disturbo di panico.

Il panico situazionale si verifica quando un paziente è esposto per innescare eventi o circostanze. Questi possono verificarsi quando si è in un ascensore, auto, autobus, tunnel o su un ponte o in situazioni in cui i pazienti hanno paura che non saranno in grado di fuggire. La paura della situazione aggiunta ad una certa preesistente vulnerabilità, provoca il panico che si verifica in quel contesto .

I pazienti con disturbo di panico possono presentarsi in ambulatori medici o reparti di emergenza; possono pensare che stanno avendo un ‘infarto’ o stanno per morire, possono avere ‘fame d’aria’, di solito in assenza di segni di disturbi respiratori.

Agorafobia: sintomi

Il disturbo di panico può verificarsi con agorafobia; le caratteristiche essenziali sono :

• ansia di essere in luoghi o situazioni dai quali potrebbe essere difficile o imbarazzante uscire in caso di un attacco di panico
• comportamento di evitamento.

Le paure di un agorafobico riguardano le seguenti situazioni :
• essere soli fuori casa, o essere a casa da soli
• essere in mezzo alla folla, in piedi in una coda, essere su un ponte, e viaggiare in un autobus, in treno o in auto.
Il paziente evita queste situazioni oppure le affronta con notevole disagio o ansia, o richiede la presenza di un compagno.

Diagnosi differenziale

Tutti i disturbi citati sopra implicano che l’ansia o evitamento fobico non sia causata da altre condizioni, ad esempio per abuso di sostanze, o un altro disturbo mentale, come la prevenzione associata con fobia sociale (disturbo d’ansia sociale). Il disturbo d’ansia può verificarsi da solo, o con altre malattie psichiatriche, più comunemente la depressione. Il disturbo di panico comunemente precede la depressione, ma può seguirla. Se ci sono comorbidità psichiatriche, è necessario trattare ogni disturbo.

Investigazione

Se ci sono preoccupazioni per la salute fisica del paziente queste devono essere esaminate. Alcuni pazienti presentano sintomi respiratori, come una sensazione di soffocamento o difficoltà ad prendere il respiro; palpitazioni, tachicardia e dolori al petto possono giustificare un ECG; difficoltà nella deglutizione, un ‘nodo alla gola’, disturbi gastrointestinali, stitichezza o diarrea possono anche richiedere ulteriori indagini; sensazione di torpore e formicolio con spilli e aghi possono suggerire un attacco ischemico transitorio, ma i sintomi bilaterali, e l’assenza di segni focali normalmente indicano una causa psicologica.

La presenza di sintomi che si verificano in più sistemi, per brevi periodi di tempo, senza un cambiamento di coscienza, di solito può suggerire un attacco di panico o disturbo di panico, piuttosto che altra malattia. Questi pazienti non dovrebbero sottoporsi a troppe indagini da parte di vari specialisti ; bisogna riconoscere e diagnosticare il disturbo di panico sui suoi criteri clinici, non solo come una diagnosi di esclusione.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2016 Frontier Theme