Disturbo ossessivo compulsivo: cos’è e come si cura

IL DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO: definizione e trattamento

* Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è un disturbo d’ansia caratterizzato da pensieri o immagini irresistibili (ossessioni) e  rituali, rigidi comportamenti che possono essere guidati da ossessioni (compulsioni).
* disturbo ossessivo compulsivo si verifica in circa il 2% della popolazione in tutto il mondo, ed è stato riconosciuto nel campo della medicina da almeno 100 anni.
* L’età media di insorgenza del disturbo ossessivo compulsivo è di 19 anni, e comincia a manifestarsi di solito dai 30 anni di età.
* I malati con disturbo ossessivo compulsivo hanno più  probabilità di sviluppare anche altri disturbi d’ansia.
* Non vi è alcun motivo specifico noto che determini il disturbo ossessivo compulsivo, anche se la presenza della malattia in altri membri della famiglia e uno squilibrio della serotonina chimica del cervello si pensa  aumentino la probabilità di sviluppare il disturbo ossessivo compulsivo.
* disturbo ossessivo compulsivo viene diagnosticata dal medico che va alla ricerca di segni e sintomi di questo e di altri problemi emotivi, nonché garantiscono che non vi è alcuna condizione medica che potrebbe contribuire allo sviluppo del disturbo ossessivo compulsivo.
* disturbo ossessivo compulsivo tende a rispondere più ad una combinazione di terapie comportamentali (esposizione e prevenzione rituale), di gruppo o individuali di terapia cognitivo-comportamentale e farmaci.
* Anche se non è efficace nel trattamento di disturbo ossessivo compulsivo come la clomipramina, gli SSRI sono il gruppo di farmaci che sono più spesso usati per curare questa malattia in quanto gli SSRI tendono a causare meno effetti collaterali.
* Gli SSRI aumentano l’attività della serotonina nel cervello.
* Quando la combinazione di psicoterapia e trattamento con SSRI non è sufficientemente efficace, si può ricorrere  ai farmaci neurolettici, per migliorare i risultati.
* Per alcune persone con gravi sintomi di disturbo ossessivo compulsivo, la stimolazione cerebrale profonda può essere utile, come anche l’uso di farmaci allucinogeni.

* Anche se i sintomi del disturbo ossessivo compulsivo possono durare per sempre, la sua prognosi è migliore quando il malato ha sintomi più lievi, e presenti per un breve periodo, e la persona non ha altri problemi emotivi.
* In assenza di trattamento, disturbo ossessivo compulsivo può peggiorare al punto che chi ne soffre, sperimenta anche problemi fisici, diventa emotivamente incapace di reagire, o sperimenta pensieri suicidi. Circa l’1% delle persone affette da disturbo ossessivo compulsivo tentano il suicidio.

 

Il disturbo ossessivo-compulsivo (disturbo ossessivo compulsivo) è un disturbo d’ansia caratterizzato da pensieri intrusivi che producono disagio, apprensione, paura o preoccupazione, da comportamenti ripetitivi volti a ridurre l’ansia associata, o da una combinazione di tali ossessioni e compulsioni. I sintomi della malattia comprendono il lavaggio eccessivo o la pulizia, il controllo ripetuto di determinate azioni; eccessiva preoccupazione, pensieri sessuali, violenti o religiosi; avversione per  particolari numeri e rituali nervosi, come l’apertura e la chiusura di una porta un certo numero di volte prima di entrare o uscire da una camera. Questi sintomi possono essere alienanti, e sono spesso causa di gravi stress emotivo e finanziario. Le azioni di coloro che soffrono di  disturbo ossessivo compulsivo possono sembrare paranoici e potenzialmente psicotici. Tuttavia, chi soffre di disturbo ossessivo compulsivo in generale riconoscere le prprie ossessioni e compulsioni come irrazionali, e ciò provoca ancor di più un senso di angoscia. disturbo ossessivo compulsivo è il quarto disturbo mentale più comune, e viene diagnosticato spesso come l’asma e il diabete mellito. Un  adulto su 50, soffre di disturbo ossessivo compulsivo. Il disturbo ossessivo-compulsivo colpisce i bambini e gli adolescenti nonché gli adulti. Circa un terzo della metà degli adulti con disturbo ossessivo compulsivo segnala un esordio infantile della malattia, suggerendo il continuum dei disturbi d’ansia durante tutta la durata della vita. L’espressione disturbo ossessivo-compulsivo è diventata parte del lessico inglese, ed è spesso usata in maniera informale o caricaturale per descrivere qualcuno che è troppo meticoloso, perfezionista, assorbito, o comunque fissato. Anche se questi segni sono propri del disturbo ossessivo-compulsivo, una persona che li presenta non deve necessariamente soffrire di disturbo ossessivo compulsivo, e possono invece avere un disturbo ossessivo-compulsivo  di personalità (OCPD), un disturbo dello spettro autistico, o nessuna condizione clinica. Nonostante il comportamento irrazionale, disturbo ossessivo compulsivo è talvolta associato ad un elevato quoziente intellettivo, superiore alla media. I suoi malati comunemente condividono tratti di personalità quali l’attenzione ai dettagli, l’evitamento del rischio, un’attenta pianificazione, esagerato senso di responsabilità e la tendenza a prendere tempo nel prendere decisioni. Più fattori psicologici e biologici possono essere coinvolti nel causare sindromi ossessivo-compulsive. Scale di valutazione standardizzate, quali Yale-Brown Obsessive Compulsive Scale può essere utilizzato per valutare la gravità.
Il disturbo ossessivo compulsivo non ha una maggiore affinità per un genere specifico. Nel 80% dei casi, i sintomi si presentano prima dell’età di 18 anni. Gli studi hanno posto la prevalenza della malattia tra l’1% e il3%,  anche se la prevalenza  clinicamente riconosciuta per disturbo ossessivo compulsivo è molto più bassa , suggerendo che a molti individui  la malattia non è stata diagnosticata. Il fatto che molte persone non cercano il trattamento può essere dovuto in parte allo stigma associato con disturbo ossessivo compulsivo.
Per quanto riguarda l’età, l’insorgere del disturbo ossessivo compulsivo varia solitamente dai tardi anni dell’adolescenza fino alla metà dei 20  anni  in entrambi i sessi, ma l’età di insorgenza tende ad essere leggermente più precoce nei maschi che nelle femmine.

Che cosa è disturbo ossessivo compulsivo (disturbo ossessivo compulsivo), e quali sono i sintomi?

Il disturbo ossessivo-compulsivo (disturbo ossessivo compulsivo) è un disturbo d’ansia che si caratterizza per le ossessioni sofferenti, sperimentando ripetute e / o compulsioni che interferiscono con la capacità della persona di interagire socialmente, professionalmente, o educativamente, sia come conseguenza della quantità di tempo che occupano i sintomi o la paura o il disagio marcati non patrimoniale subito dalla persona. La conoscenza convenzionale è che ci sono quattro tipi di disturbo ossessivo compulsivo: le ossessioni che sono aggressive, sessuali, religiose o del danno di relazione con il controllo delle compulsioni, ossessioni di simmetria che sono accompagnate dal ripetersi delle compulsioni; le ossessioni di contaminazione sono associate a compulsioni di pulizia e sintomi di accumulo.

Una ossessione è definita come un pensiero, impulso, o immagine che ricorre o persiste e provoca una forte ansia. Questi pensieri sono irresistibili per chi  subisce disturbo ossessivo compulsivo, nonostante la  persona si renda conto che questi pensieri sono irrazionali. Esempi di ossessioni sono preoccupazioni per i germi, la pulizia o la sicurezza o l’ordine. Una compulsione è un comportamento rituale che l’individuo con disturbo ossessivo compulsivo sperimenta più volte,  a causa delle  ossessioni oppure secondo una rigida serie di regole. Le ossessioni di cui sopra possono comportare compulsioni, come lavarsi le mani eccessivamente. Diverse dalle compulsioni, le abitudini sono comportamenti che si verificano con poco o nessun pensiero, si ripetono regolarmente, non sono la risposta ad un’ossessione, non sono particolarmente forti in termini di tempo, e non causano stress. Esempi di abitudini sono schioccare le nocche delle mani o  mettere chiavi della macchina in una tasca del cappotto.
La diagnosi di disturbo ossessivo compulsivo è stata descritto in medicina negli ultimi 100 anni. È interessante notare che la frequenza con cui si verifica ed i sintomi con cui si presenta sono molto simili, indipendentemente dalla cultura del sofferente. L’età media di insorgenza del disturbo è 19 anni, anche se spesso inizia durante l’infanzia o l’adolescenza e di solito si sviluppa dai 30 anni di età. Esso tende ad affliggere più maschi che femmine.
Gli individui con disturbo ossessivo compulsivo hanno più probabilità di sviluppare anche  la trazione cronica dei capelli (tricotillomania), muscolare o tic vocali (malattia di Tourette), o un disturbo alimentare come l’anoressia o la bulimia. I malati di disturbo ossessivo compulsivo sono anche predisposti a sviluppare altri problemi di umore, come la depressione, il disturbo d’ansia generalizzata e il disturbo di panico. disturbo ossessivo compulsivo mette i suoi malati a più alto rischio di avere eccessive preoccupazioni circa il proprio corpo (disturbi somatoformi) come l’ipocondria, che è l’eccessiva preoccupazione di avere una grave malattia. Le persone con disturbo ossessivo compulsivo sono più vulnerabili allo sviluppo del disturbo bipolare, chiamato anche depressione maniacale.
Anche se a volte viene confuso con il disturbo ossessivo compulsivo, il disturbo di personalità ossessivo-compulsivo (OCPD) è definito dal perfezionismo e dall’aspettativa inflessibile che l’individuo e gli altri non mancherà di tenere uno specifico insieme di regole. I malati di OCPD tendono a non impegnarsi in comportamenti ritualizzati (compulsioni). Tuttavia, OCPD tende a verificarsi più spesso nelle persone con DOC rispetto a quelli senza e quindi può essere considerato un fattore di rischio per lo sviluppo del disturbo ossessivo compulsivo.

 

 

Il disturbo ossessivo-compulsivo o DOC (in inglese obsessive-compulsive disorder o OCD) viene chiamato anche sindrome ossessivo-compulsiva o SOC (in inglese obsessive-compulsive syndrome o OCS). In alcuni testi è conosciuto come disturbo ossessivo-coattivo, sindrome ossessivo-coattiva o semplicemente come disturbo ossessivo e sindrome ossessiva e, prima dell’uscita della terza edizione rivisitata del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-III-R), come (psico)nevrosi ossessivo-compulsiva, (psico)nevrosi ossessivo-coattiva o semplicemente come (psico)nevrosi ossessiva e (psico)nevrosi coatta.

Tale disturbo consiste in un disordine psichiatrico che si manifesta in una gran varietà di forme, ma è principalmente caratterizzato dall’anancasmo, una sintomatologia costituita da pensieri ossessivi associati a compulsioni (azioni particolari o rituali da eseguire) che tentano di neutralizzare l’ossessione.

Il disturbo ossessivo-compulsivo, pur essendo classificato tra i disturbi d’ansia dal DSM-IV-TR, dal 2010 ICD-9-CM[3], dall’ICD-10 e dal Manuale Merck di diagnosi e terapia è da molti considerato invece, in virtù della sua incerta rispondenza al trattamento con farmaci ansiolitici, come entità nosografica autonoma, con un definito nucleo psicopatologico, con un decorso e una sintomatologia peculiari e con dei correlati biologici che vanno a poco a poco delineandosi.

Le ricerche hanno dimostrato che il DOC è molto più comune di quanto si pensasse. Circa un individuo su 50 tra adolescenti e adulti è affetto da disturbo ossessivo-compulsivo. A causa della natura molto personale di questo disordine, e anche per via della paura di essere giudicati, potrebbero esistere molte persone afflitte da DOC che lo nascondono, e la percentuale quindi potrebbe essere più alta. Si stima che il 2-3 % della popolazione di molti stati ne sia affetto; negli Stati Uniti pare che ne soffrano cinque milioni di individui.

Il DOC ha comorbilità, cioè può convivere come disturbo nella psiche del paziente con diverse patologie quali

* Fobia sociale;

* Depressione;

* Disturbi di personalità;

* Disturbo ossessivo-compulsivo di personalità;

* Disturbi dell’umore;

* Attacchi di panico;

* Sindrome di Asperger

* Sindrome di Tourette

* Altri disturbi d’ansia;

* Altre fobie e patologie psichiatriche.

Eziologia del disturbo ossessivo compulsivo

Il DOC è riconosciuto come un disordine psichico serotoninergico, in quanto è stato dimostrato che nei pazienti affetti da tale patologia è evidenziata una disfunzione nella trasmissione della serotonina tra i neuroni cerebrali[8].

Ciò può avere una causa esclusivamente biologica oppure essere anche accentuata da comportamenti acquisiti (i quali hanno riflesso anche nella struttura dell’SNC, se appresi come abitudini) in persone geneticamente predisposte.

Base genetica del disturbo ossessivo compulsivo

L’origine genetica, pur presente, spiega solo alcuni dei casi: studi sui gemelli monozigoti hanno dimostrato, infatti, che se essi vengono separati e posti in condizioni diverse, possono non contrarre tutti il DOC ma, ad esempio, può esserne affetto solo uno dei due o più fratelli.

Ipotesi autoimmune e di connessione con la sindrome di Tourette

Secondo qualche studio, ancora in fase iniziale, ci potrebbe anche essere un’origine autoimmune, in seguito ad un’infezione che ha generato una malattia fisica (come in altri disturbi della sfera ansiosa). La causa potrebbe derivare dalla reazione eccessiva allo streptococco B-emolitico di gruppo A. Tale sindrome, detta PANDAS, che a volte si manifesta con la Corea di Sydenham, una manifestazione neurologica della febbre reumatica, provocherebbe invece in alcuni soggetti la predisposizione al DOC. Il DOC presenterebbe comparsa precoce, prima dei 14 anni, tic e alterazione motorie, e spesso permane anche dopo la fine dell’infezione.

 

Altri studi (Rauch, Rapoport) porterebbero a ipotizzare disfunzioni localizzate nei gangli della base (in quanto anche possibile causa della sindrome di Tourette che è spesso associata al DOC) e nei lobi frontali.

Sviluppo comportamentale del disturbo ossessivo compulsivo

Comunque, il fatto di avere genitori o figure importanti durante l’infanzia e l’adolescenza affetti da DOC o da tratti di personalità ossessiva, influisce in modo decisivo sullo sviluppo del disturbo ossessivo-compulsivo; solitamente è determinante la predisposizione genetica, legata allo squilibrio biochimico già detto. Come molti disturbi d’ansia (tra cui le fobie), che possono comparire prima, durante e dopo il DOC e le sue prime manifestazioni stabilendo un rapporto tra essi, pare che il DOC sia scatenato dall’aver avuto genitori assenti, cioè ipoprotettivi, o, soprattutto, iperprotettivi e insicuri nei confronti del mondo.

Inoltre i sintomi possono scatenarsi la prima volta o acutizzarsi, anche temporaneamente, in condizioni di stress eccessivo o a causa di uno shock emotivo o evento traumatico.

Secondo la psicoanalisi:

Per la psicoanalisi il disturbo rientra tra le varie nevrosi sviluppabili con le diverse “fissazioni” nelle varie fasi di sviluppo, specialmente nella seconda fase.

Sigmund Freud ammise la difficoltà di curare la “nevrosi ossessiva” con il metodo psicoanalitico dopo averlo studiato su un suo paziente, noto negli scritti freudiani come “l’Uomo dei topi” o “l’Uomo dei ratti”, un avvocato il cui vero nome era Ernst Lanzer.

Considerazioni generali sul disturbo ossessivo compulsivo

Secondo il DSM-IV, il DOC è caratterizzato da sintomi ossessivi e/o compulsivi che siano fonte di marcata sofferenza per il paziente, comportino spreco di tempo (più di un’ora al giorno) e interferiscano con le normali attività quotidiane.

Il disturbo viene riconosciuto come tale solo se compromette il normale ritmo delle attività quotidiane e il funzionamento sociale e lavorativo del soggetto e se non può essere meglio giustificato da altri disturbi d’ansia o da malattie psichiatriche dovute a condizioni mediche generali.

Affinché venga diagnosticato un disturbo ossessivo-compulsivo devono essere presenti o soltanto ossessioni, oppure ossessioni e compulsioni.

Definizione di “ossessione”

* Pensieri, dubbi, immagini o impulsi ricorrenti e persistenti che affliggono l’individuo e che da questo vengono percepite come invasive e inappropriate (o comunque fastidiose) e che provocano una marcata sofferenza. La differenza con i disordini della personalità risiede proprio in questo fatto: mentre nel DOC le ossessioni sono avvertite come intrusive, nel disturbo ossessivo-compulsivo di personalità (o OCPD) hanno carattere egosintonico.

* L’individuo si rende conto che i pensieri, le immagini o gli impulsi sono frutto della propria mente. Se le ossessioni venissero ritenute reali, allora si cadrebbe nel campo della schizofrenia (cfr. “disturbo schizotipico di personalità” che, a volte, è connesso col DOC).

* L’individuo tenta (inutilmente) di ignorare o sopprimere tali pensieri, immagini o impulsi, o di neutralizzarli (altrettanto inutilmente) con altri pensieri e comportamenti (“compulsioni”, in alcuni testi chiamati anche “psichismo da difesa”[e più anticamente “coazioni”).

Definizione di “compulsione”

* Comportamenti o azioni mentali ripetitivi che l’individuo si sente obbligato a eseguire, come una sorta di rituale stereotipato (che può servire a “riparare” un “danno” oppure a diminuire l’ansia causata da un pensiero), per difendersi da una certa ossessione.

* I comportamenti o le azioni mentali sono mirate a combattere le ossessioni; spesso questi comportamenti o queste azioni mentali sono chiaramente eccessivi e/o non sembrano, da parte di un osservatore esterno, essere realmente connessi con l’ossessione che cercano di neutralizzare.

* Le compulsioni possono riguardare diverse tematiche come la contaminazione, il perfezionismo, l’ordine, il controllo.

Sintomi e manifestazioni

Rituali nel disturbo ossessivo compulsivo

Il paziente affetto da DOC non si lamenta in particolare dell’ansia, ma piuttosto delle ossessioni e delle coazioni. L’ansia si manifesta solamente se si interferisce nei rituali messi in atto per difendersi dalle ossessioni. Per gli altri, questi rituali, detti rituali anancastici, appaiono strani e non necessari, ma per l’individuo tali azioni sono profondamente importanti e devono essere eseguite in particolari modi per evitare conseguenze negative e per impedire all’ansia di prendere il sopravvento. Esempi di queste azioni sono:

* controllare ripetitivamente che la macchina parcheggiata sia ben chiusa a chiave prima di lasciarla

* accendere e spegnere le luci un certo numero di volte prima di uscire da una stanza

* salire una scala o entrare in una stanza sempre e solo con un piede anziché l’altro

* alzare e abbassare continuamente il volume di una radio o del televisore perché si è convinti che nessuna intensità sia adatta

* lavarsi ripetitivamente le mani a intervalli regolari durante il giorno o non riuscire a smettere di lavarsele una volta insaponate

 

I sintomi esatti possono includere, più specificatamente, tutti o solo alcuni dei seguenti:

* continuo ripetere azioni “riparatrici” (lavarsi le mani)

* un sistema di conto specifico (contare in gruppi di quattro, sistemare le cose in gruppi di tre, sistemare gli oggetti in insiemi pari o dispari)

* controlli protratti e ripetuti, volti a riparare o prevenire gravi disgrazie o incidenti

* impostare limiti specifici ad azioni in corso (raggiungere la propria auto con dodici passi)

* allineare perfettamente gli oggetti nel loro insieme, in angolazioni perfette (questo sintomo si ha anche nel disordine della personalità e può essere confuso con questa condizione)

* puntare lo sguardo o gli oggetti in direzione degli angoli della stanza

* in pavimentazioni composite, evitare il calpestio delle fughe di separazione

* sostituire i “cattivi pensieri” con “buoni pensieri” (la visione di un bambino malato può costringere a pensare ad un bambino che gioca felice)

* voler “provare” o ripetere mentalmente e continuamente l’amore per il partner (DOC da relazione), o l’attrazione per il sesso opposto (DOC omosessuale, evitando al contempo situazioni con persone dello stesso sesso) o le persone adulte (DOC pedofilo, in cui si tende anche ad evitare ogni contatto con bambini, avendo l’ossessione infondata di essere pedofili)

* paura di contaminazione fisica (come la paura delle secrezioni del corpo umano quali saliva, sudore, lacrime, muco, urina e feci: alcuni casi di DOC hanno anche dimostrato la paura che il sapone che viene usato dal soggetto per detergersi, sia esso stesso contaminato), o anche metafisica (contaminazione da pensiero)

* paura ossessiva delle malattie (cfr. ipocondria)

* ricerca di simmetria (calpestare un pezzo di carta con il piede sinistro può indurre il bisogno di calpestarne un altro con il piede destro, o di tornare indietro e pestarlo nuovamente)

* superstizione eccessiva o pensiero “magico”: nel caso di persone molto credenti prende la forma del cosiddetto “DOC religioso” ovvero uno scrupolo eccessivo nel seguire ogni dettame della propria fede o ripetere mentalmente preghiere, mentre in persone mediamente credenti o non religiose sono messi in atto comportamenti scaramantici e ritualizzati in maniera magica e precisa, che la persona, in genere, mette in atto solo quando è in ansia a causa di eventi che considera nefasti, mentre quando è in fase di calma spesso li considera esagerati o assurdi. Il paziente è convinto che questi rituali preservino da sfortune o “riparino” ad errori compiuti. Inoltre tende ad evitare numeri od oggetti che ritiene portino sfortuna.

* DOC da accumulo: il paziente colleziona enormi quantità di oggetti inutili e non riesce a disfarsene.

 

Anche se il paziente è convinto che i rituali siano solo un effetto del disturbo non riesce comunque ad ignorarli.

Ci sono molti altri sintomi. Tutti possono portare ad evitare le situazioni di “pericolo” o disagio e quindi influire sulla vita del soggetto che ne è affetto, attraverso gli evitamenti in misura pari ai sintomi stessi. È importante ricordare che possedere qualcuno dei sintomi elencati non è un segno assoluto di DOC e viceversa, e che la diagnosi di DOC deve essere fatta da uno psichiatra per essere certi di soffrire di questo disturbo. Le ossessioni sono idee e pensieri cui il malato non può smettere di pensare. Comuni ossessioni includono la paura di provare disagio, di essere feriti o di causare dolore a qualcun altro. Le ossessioni sono tipicamente automatiche, frequenti e difficili da controllare o da eliminare di per sé.

Le compulsioni si riferiscono ad azioni eseguite dalla persona, normalmente in modo ripetitivo, al fine di opporsi (inutilmente) al pensiero o ai pensieri ossessivi. Nella maggior parte dei casi questo comportamento diventa talmente regolare che l’individuo non lo ritiene un problema degno di nota. Le comuni compulsioni includono, in modo eccessivo, comportamenti come il lavarsi, il controllare, toccare, contare o sistemare e ordinare; altre possono essere comportamenti rituali che l’individuo esegue in quanto convinto che abbasseranno le probabilità che una ossessione si manifesti. Le compulsioni possono essere osservabili (come il lavarsi le mani), ma possono anche essere riti mentali come la ripetizione di parole e frasi o il conto.

Considerato che tutti gli individui che soffrono di DOC sono consci del fatto che tali pensieri e comportamenti non sono razionali e che, pur lottando contro di essi con tutte le proprie forze razionali, non riescono in alcun modo a liberarsene, i casi non trattati di DOC costituiscono uno dei più frustranti e irritanti disordini da ansia.

Altre manifestazioni nel disturbo ossessivo compulsivo

Talvolta il paziente presenta una depressione agitata non riconosciuta che inasprisce la sua sintomatologia ossessivo-compulsiva e uno stato simile alla tensione meditativa.

In considerazione del fatto che spesso il paziente ossessivo-compulsivo si impone una severa morale ed è fortemente preoccupato della contaminazione, la sessualità è spesso ostacolata, o comunque fortemente caricata e conflittuale.

Decorso disturbo ossessivo compulsiv

In assenza di terapia appropriata vi sono quattro tipi di decorso.

* episodico: con sintomi presenti solo in alcuni periodi della vita di una persona, o anche un solo episodio in tutta una vita. In alcuni casi può non essere nemmeno diagnosticato un disturbo;

* cronico fluttuante: i sintomi sono scostanti nel tempo, con miglioramenti e peggioramenti, tuttavia non scompaiono mai completamente, a seconda del livello generale dello stress;

* cronico stabile: i sintomi si manifestano in maniera graduale ma, poi, rimangono stabili nel tempo;

* cronico ingravescente: è il più grave e comune. Generalmente i sintomi iniziano in modo graduale; ci sono periodi di peggioramento e periodi di stabilità, seguiti, poi, da nuovi peggioramenti.

Con la terapia si possono far scomparire i sintomi oppure farli regredire ad uno stadio più lieve, che si manifesta come un DOC con decorso più leggero (e soprattutto stabile). Il DOC, in sé stesso, non pregiudica l’intelligenza del soggetto, ma solo il suo comportamento. Le persone affette da DOC hanno in genere un quoziente intellettivo più alto della media degli altri individui.

Trattamento del disturbo ossessivo compulsivo

Il DOC è tradizionalmente considerato un disturbo a decorso cronico e invalidante, spesso refrattario ad ogni tipo di intervento terapeutico[16] (in particolare quando la malattia giunge al trattamento in soggetti con oltre i 35 anni di età[17]). Bisogna anche dire, però, che oggi la prognosi è sicuramente migliorata in quanto l’approccio terapeutico al disturbo è radicalmente mutato: la psicoanalisi non è più considerata la cura-tipo per questi pazienti, mentre risultano attualmente di prima scelta forme differenti di trattamento, più efficaci e applicabili su scala più ampia[18]. Tra queste, in particolare, la farmacoterapia e la psicoterapia cognitivo-comportamentale hanno messo a punto sia dei protocolli specifici di intervento per il DOC, sia delle metodiche di valutazione dei risultati che consentono una verifica clinica e sperimentale.

Farmacoterapia

Prima dell’avvento della clomipramina, l’accostamento psicofarmacologico al disturbo ossessivo-compulsivo era risultato deludente. In pratica, si era affermata l’efficacia di qualsiasi agente in questa situazione. La ragione di questa peculiarità risiede nel fatto che la sintomatologia del DOC è spesso fortemente inasprita dal sopravvenire di una “depressione agitata” non riconosciuta. In virtù di ciò, capita che si produca una notevole accentuazione delle compulsioni nel paziente (tanto è vero che il diagnostico può erroneamente considerare tale inasprimento come la questione psicopatologica centrale, tralasciando così il disordine dell'”affettività di base”) e quindi tutto quanto può alleviarla o guarirla, come per esempio le fenotiazine o gli antidepressivi triciclici, riduce la sintomatologia coattiva acuta. Tuttavia, il paziente non torna altro che alla dominante ossessiva di base.

Psicoterapia cognitivo-comportamentale del disturbo ossessivo compulsivo

Nell’ambito della psicoterapia comportamentale si utilizza in particolare la tecnica di esposizione e prevenzione della risposta ma anche quelle di arresto (sospensione) dei pensieri, imitazione di modelli, desensibilizzazione sistematica e intenzione paradossale.

La psicoterapia cognitiva per questo disturbo invece centra la sua attenzione sulla modificazione in particolare dei seguenti processi di pensiero automatici e disfunzionali: eccessivo senso di responsabilità, eccessiva importanza attribuita ai pensieri, sovrastima della possibilità di controllare i propri pensieri e sovrastima della pericolosità dell’ansia.

È stato dimostrato che la psicoterapia è più efficace di ogni altro tipo di terapia da sola nell’alleviare il disturbo ossessivo compulsivo e ridurre le sue conseguenze sull’organismo..

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2016 Frontier Theme