Iperventilazione e ansia: cos’è e cosa fare

respirazione e ansia

Attacchi di iperventilazione, cosa sono e come curarli?

 

L’iperventilazione è un sintomo di attacco di ansia. Ci si sente deboli e storditi, come se non si riuscisse a respirare profondamente. Improvvisamente si inizia ad avere dolore toracico e la propria mente è in una corsa caotica. Si ha la sensazione che tutto ciò che si ha intorno vada in blocco e, all’improvviso, si ha un momento finale di estremo terrore che gradatamente va via.
Quello di cui non ci si rende conto è che questi sintomi fisici sono stati causati quasi esclusivamente dall’iperventilazione.
L’iperventilazione e la sindrome di iperventilazione sono spesso il risultato di grave dell’ansia. La paura può influenzare il modo in cui si respira e può essere la causa dell’iperventilazione, anche quando non c’è alcun timore.
L’iperventilazione, inoltre, può causare un numero significativo di sintomi fisici, questo è il motivo per cui è necessario controllarla per cercare di eliminare l’ansia.

Introduzione all’iperventilazione.
Mentre la paura è a causa dell’iperventilazione, quest’ultima causa decine di peggiori sintomi di la paura. L’iperventilazione, infatti, può causare tanti problemi che alcuni medici etichettano una condizione, nota come causa della “sindrome di iperventilazione”. Questa è più comune nelle persone con attacchi di panico e di ansia ma può colpire anche chi soffre di intensa ansia.
L’iperventilazione significa letteralmente “sopra respirare”, contrariamente alla credenza popolare e, a differenza del modo in cui ci si sente, non è l’atto di ottenere abbastanza aria ma, al contrario, è l’atto di esalazione di anidride carbonica in modo rapido, per cui vi è troppo ossigeno nei polmoni.
L’iperventilazione può avvenire in molti modi diversi. La respirazione veloce è il modo più comune di iperventilazione e, molto spesso, questa ha una connessione con l’ansia. Durante i periodi di intensa paura del corpo si entra in modalità di lotta o di fuga (chiamato anche lotta o fuga di risposta / risposta di lotta o fuga) e si respira in modo veloce, mentre ci si prepara a combattere o a fuggire. Dal momento che non vi è alcun pericolo, il corpo continua ad iperventilare finché non si verificano sintomi fisici che provengono da un’ampia iperventilazione.
La risposta di lotta o di fuga potrebbe essere anche una sindrome, chiamata sindrome di adattamento, questo perché chi soffre di attacchi di panico tende a pensare al proprio respiro. Purtroppo, questo può anche portare a sintomi di iperventilazione, in quanto si tende appunto a respirare di più. Il corpo sa di quanto ne ha bisogno e, spesso, è molto poco. Quando, però, si pensa al respiro, è possibile che sia molto più di quello che effettivamente si ha bisogno, causando, quindi, iperventilazione.
La soluzione consiste in una rapida e buona iperventilazione.
Se quando siete nervosi si ha la tendenza a sbadigliare, cercare di respirare può portare ad iperventilazione, soprattutto se si respira troppo in fretta.
Uno svantaggio dell’iperventilazione è che ci si sente il fiato corto. La sensazione di mancanza di respiro può far pensare di non avere sente abbastanza ossigeno, mentre il problema è, in realtà, l’opposto. In questo modo la reazione che la maggior parte delle persone ha è un’iperventilazione intenzionale. Si cerca di respirare l’aria velocemente, anche senza fiato, perché non respirare pienamente può causare un’iperventilazione peggiore e pericolosa.
Questo può far sorgere una sensazione di panico e di ansia, soprattutto perché i sintomi possono assomigliare ad un attacco di cuore, ad un ictus, ad una derealizzazione, ad una depersonalizzazione o, addirittura, di morire.

Come e perché si ha iperventilazione?
L’iperventilazione è causata dalla paura.
Alcune persone sostengono che l’iperventilazione è atterrata nella propria condizione, nota come “sindrome di iperventilazione”. Questa sindrome si ha quando si tende all’iperventilazione, senza timore, perché il corpo ha imparato essenzialmente a respirare in modo non corretto a causa di ansia e di stress.
Pertanto, l’iperventilazione è un concetto così importante da capire per le persone che soffrono di ansia. E non è solo la causa di molti dei peggiori sintomi di ansia, può anche essere la propria condizione necessaria a cui porre attenzione.
Inconsciamente si respira in modo non corretto e questo può causare spiacevoli situazioni.
Un attacco di iperventilazione si può avere durante la notte, mentre si dorme nel letto; al risveglio vi troverete sudati, con grande caos in testa, tutto può sembrare vago e anche i suoni sembrano strani.
Nei negozi, invece, un attacco iperventilazione (soprattutto per persone hanno il primo attacco) può seminare panico. Spesso questo si traduce in ansia sociale disturbo / agorafobia della paura che ciò possa accadere di nuovo.
Inoltre, un attacco al lavoro può creare ostacoli. Per esempio in un colloquio di lavoro, con un cliente al telefono e può essere fastidioso sia per se stessi sia per i propri colleghi .
L’attacco di iperventilazione a scuola è strettamente legato ad un attacco in negozio, in quanto sono situazioni affollate e, soprattutto in classe, ci sono ulteriori varianti che possono innescare che l’ansia, lo stress e il nervoso.
I sintomi dell’iperventilazione non sono, generalmente, pericoloso, anche se potrebbero mimano malattie pericolose.
L’iperventilazione causa bassi livelli di anidride carbonica nel sangue, provocando uno squilibrio dei vasi sanguigni che si restringono e problemi al sistema nervoso. Questo porta ad una serie di problemi che sono molto ben riconosciuti da chi soffre di ansia, tra cui tachicardia, dolore toracico, oppressione toracica, pienezza, pressione, vertigini, problemi di equilibrio, sensazione di cambiamenti di visione (visione offuscata) o di udito (sentire improvvisamente un beep) , difficoltà di concentrazione o di memoria.
La mancanza di respiro può causare ansia, nervosismo, tensione, sospiri frequenti o sbadigli, sensazione di non avere abbastanza aria, sedersi, battito cardiaco accelerato, intorpidimento, debolezza o formicolio alle mani, ai piedi o intorno alla bocca, mal testa gas, gonfiore o eruttazione, contrazioni, sudorazione perdita di coscienza (svenimento), debolezza, sensazione di soffocamento, respiro sibilante, sudorazione. La perdita di coscienza (a volte) fa scattare l’iperventilazione, ad esempio dopo una doccia calda o un bagno, durante o dopo un intenso esercizio fisico (in particolare senza riscaldamento), durante o dopo un intervento chirurgico (anestesia, chirurgia, cesareo, ecc), durante o dopo la gravidanza, dopo aver avuto rapporti sessuali, dopo aver assunto droghe, alcool, caffè (caffeina), soda (bombe di zucchero) , dopo un’influenza oppure dopo eventi traumatici, come la morte di una persona cara, paure e fobie acute, paure intense, questi sintomi potrebbero causare notevoli disagi. Tutti questi sintomi associati con l’ansia causano spesso gravi attacchi di ansia e di panico, ipocondria, fobia sociale e molti altri.

L’iperventilazione è un onere?
Non esiste un test infallibile per l’iperventilazione. Se vi siete già recati da un medico e non ha riscontrato alcun problema cardiaco o polmonare, allora è probabile che, a volte, l’iperventilazione è un onere.
E’ consigliabile che la gente intorno a voi sappia che potreste soffrire di iperventilazione, in modo da non arrivare troppo in preda al panico.
Vi sono dei segnali di allarme. Il dolore toracico, ad esempio, che si avverte al centro del petto.
L’iperventilazione, di solito, corrisponde abbastanza bene al modo di respirare.
Se si soffre di attacchi di ansia, c’è una buona probabilità che spesso si abbia iperventilazione. E se il medico ha escluso altri che problemi di salute, allora l’iperventilazione è molto probabile che sia la causa dei sintomi.

Cosa fare contro l’iperventilazione?
L’iperventilazione potrebbe essere anche causata da attacchi di ansia, quindi se si riesce ad eliminarla, è potenzialmente in grado di ridurre la gravità degli attacchi di panico e di ansia.
La maggior parte delle persone non si rendono conto dell’iperventilazione fino a quando non ha inizio, tanto che diventa difficile controllare completamente l’ansia ed evitare che l’iperventilazione abbia inizio.
Quanto più si pensa alla respirazione, più aumenta il rischio di iperventilazione, in quanto si tende a respirare più del necessario. Si dovrebbe anche fare in modo di essere disposti ad accettare ciò che rappresenta l’iperventilazione , cioè uno stile innocuo di respirazione che causa un disagio intenso.

Le seguenti soluzioni sono i modi migliori per prevenire l’iperventilazione:
-Respirare lentamente è la reazione normale di iperventilazione e si deve combattere nel modo più efficace possibile questo desiderio e, drammaticamente, rallentare il respiro. Per recuperare un buon modo di respirare:
1. Inspirare lentamente attraverso il naso per 5 secondi.
2. Tenere il respiro per tre secondi.
3. Espirare attraverso le labbra serrate (come se si suonasse il flauto) per 7 secondi.
In questo modo si otterrà un equilibrio attraverso i livelli normali di anidride carbonica e prevenire ulteriore iperventilazione.
-Camminare e correre.
Camminare permette di aumentare l’anidride carbonica nel corpo e correre migliorare la respirazione.
-Controllare l’abbigliamento e la postura.
Quando si hanno più possibilità di iperventilazione ci sono dei fattori che ne aumentano il rischio, quindi, è opportuno evitare indumenti stretti, cintura che stringe lo stomaco, perché questo può contribuire a produrre iperventilazione.
L’atteggiamento può anche essere un fattore che contribuisce l’iperventilazione.
-Può essere un aiuto contro l’iperventilazione respirare in un sacchetto.
C’è una logica. Normalmente, quando respiriamo, prendiamo anidride carbonica in eccesso. Questo è importante per l’equilibrio. Respirare in un sacchetto potrebbe migliorare i livelli di anidride carbonica nel nostro corpo, che aiuterà a superare l’iperventilazione in modo rapido.
Attenzione: Non fare questo se si ha una malattia cardiaca!
-Distrarsi.
Ricordate che il vostro corpo vuole respirare normalmente.
Distrarsi mentalmente pensando a qualcosa di rilassante o di divertente può essere utile per non pensare al proprio respiro.
Non contare i respiri ma concentrare la mente su qualcosa di completamente diverso. Questo dovrebbe permettere di controllare l’iperventilazione.
Anche se si ha abbastanza anidride carbonica nel sangue, si può prendere altra in modo da ripristinare il tutto alla normalità. Se si riesce a ridurre l’intensità dell’iperventilazione, si potrà constatare che l’ansia è diminuisce, ciò è importante per superare la paura per il futuro.

La respirazione
I medici consigliano di allenare il proprio corpo a respirare nel modo giusto.
Avere una buona respirazione significa respirare regolarmente. Si ottiene una buona respirazione cercando di non pensare che si deve respirare.
La paura fa sì che il corpo smetta il normale modello di respirazione, anche se ci si sente tranquilli e felici, si può essere ancora predisposti all’iperventilazione, causando aumento di ansia, di stress e di ulteriori disordini.
Si tratta di un circolo vizioso. Si comincia dalla fine e poi, ancora una volta, dall’inizio.
Non vi è alcun modo chiaro e scientificamente valido per ri-addestrare il proprio corpo a respirare meglio ma la maggior parte degli esperti raccomanda quanto segue: -respirazione diaframmatica: è la respirazione attraverso lo stomaco. Molti credono che questo modo di respirazione sia meno superficiale e che dovrebbe ridurre il rischio di iperventilazione. Si consiglia di eseguirla per 20 minuti al giorno. Fare in modo che si espanda prima lo stomaco e successivamente il petto. Può essere d’aiuto anche mettere la mano sulla pancia e respirare.
Il corpo ha bisogno di questo tipo di respirazione. Durante l’esercizio fisico, fare qualcosa contemporaneamente, in modo da non essere troppo concentrati sulla respirazione. Ad esempio, basta stendere la mano sul lo stomaco mentre si guarda la TV e inalare aria tranquillamente. Lo yoga insegna questo stile di respirazione in un modo più interattivo e l’ulteriore vantaggio sportivo può essere utile per il controllo dell’ansia, insomma due piccioni con una fava!
Infine, l’aerobica può, in generale, essere efficace nel ri-addestrare il corpo a respirare. Inoltre, è la nemica della paura.
Ognuno ha il proprio modo di ridurre l’ansia. L’idea è quella di trovare il modo giusto da cui trarre beneficio.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2017 Frontier Theme