Perchè sono agitato e ansioso

Il motivo per cui siete diventati ansiosi è probabilmente dovuto ad una combinazione di cause. Ad esempio la personalità, essa si riferisce al modo in cui reagiamo e ci comportano di anno in anno. La maggior parte delle persone che cercano un trattamento per un disturbo d’ansia,   si considerano nervose, non solo a causa degli alti livelli di ansia, ma perché ritengono di essere persone che sono di solito sensibili, emotive, e  che si preoccupano facilmente. Ci sono però dei vantaggi ad essere così, perché essere sensibili  significa che si è in grado di capire le altre persone in modo rapido, inoltre, probabilmente significa che ti piace fare le cose per bene e di trattare gli altri bene.
Ma è bene ricordare che l’emotività e la propensione a preoccuparsi sono i semi da cui può nascere l’ansia.
Il disturbo  d’ansia generalizzato può comparire nel momento in cui si registra un elevato livello di stress. Durante il corso della vita, noi tutti siamo sottoposti a situazioni ed eventi difficili e stressanti, sicuramente dovremo affrontare problemi difficili quali la malattia di una persona cara, un esame medico importante ecc…
Nei pazienti che soffrono d’ansia i pensieri più frequenti sono:

– “Non riesco a controllare la mia preoccupazione”
– “La preoccupazione mi fa stare male”
– “La mia preoccupazione non avrà mai fine”
– “sto impazzendo”
Queste preoccupazioni possono aumentare il senso di minaccia e di conseguenza i sintomi ansiogeni  possono aumentare ulteriormente.
A volte le persone credono che preoccuparsi possa essere utile, ad esempio “se mi preoccupo eccessivamente sono preparato al peggio, e riuscirò ad affrontare qualsiasi cosa”; come se preoccuparsi sia sufficiente a far sì che un evento non accada. Secondo questo principio è vero anche il contrario, se “non mi preoccupo e succede qualcosa di brutto, la responsabilità è solo mia”.

Ma queste credenze raramente vengono confermate, raramente sono messe alla prova, e l’individuo continua comunque a preoccuparsi. Un certo numero di cose che si fanno e che hanno  a che fare con la preoccupazione nel breve termine, possono effettivamente causare il disturbo d’ansia  e la preoccupazione  a lungo termine.
Una persona ansiogena cercherà sempre di avere tutto sotto controllo, si assicurerà sempre che i propri cari stiano bene, o si recheranno dal medico ogni volta che sentiranno di stare male. Sono sempre alla ricerca di   rassicurazione, cercano conforto negli altri affinchè possano alleviare l’ansia a breve termine; ma il sollievo è di solito solo temporaneo.
Bisogna  individuare i pensieri, sentimenti e comportamenti che contribuiscono a sviluppare l’ansia, questo  è una parte importante del programma.
Ogni volta che compare un attacco di ansia, sarebbe utile annotare i sintomi percepiti, in modo da riferirli al terapeuta, affinché possa comprendere appieno la situazione e possa intervenire nel modo migliore per la salute del paziente. I sintomi più comuni del disturbo d’ansia sono:

-iperventilazione

-senso di soffocamento

-battito cardiaco accelerato

La cosa più giusta da fare, è fermarsi e respirare lentamente, da subito i sintomi scemeranno e si può cominciare a riflettere ai pensieri che scorrono nella mente. Il processo di rilassamento è necessario a modificare i pensieri e le credenze errate.

 

 Quando le persone sono state tese e ansiose per lunghi periodi, risulta difficile modificare tali comportamenti, esse hanno creato una nuova “normalità”,non sanno stare senza ansia. Tuttavia, un
alto livello di tensione  è indesiderabile, poiché l’ansia  e la preoccupazione o altri sintomi possono essere facilmente attivati da piccoli aumenti di eccitazione causata anche da banali
eventi.
 Dopo aver terminato il rilassamento, ci si potrebbe sentire momentaneamente stordito e fraintendere questa reazione  come un segno di qualche altro problema.
In secondo luogo, si potrebbe tornare subito alla vecchia abitudine di tensione. Bisogna impostare un sistema di rilassamento, questo è una competenza e, come tale, migliora con la pratica, non   bisogna   disperarsi  se  non  si raggiungono  livelli profondi di rilassamento durante le prime sedute.  Si deve lasciare andare la tensione nei muscoli specifici:  fare il rilassamento isometrico
 in situazioni quotidiane, infatti  la maggior parte degli esercizi non implica alcun cambiamento evidente nella postura o nei movimenti. Nelle prime fasi di formazione, potrebbe essere necessario fare questi esercizi più volte al giorno per contrastare la tensione e mantenere uno stato di rilassamento, in particolare quando ci si sente ansiosi. Alla fine, si scopre che si stanno facendo gli esercizi senza pensarci, essi possono diventare una abitudine che si intende utilizzare
automaticamente per contrastare la tensione.
Ci sono alcuni punti importanti che devono essere tenuti a mente quando si fanno gli esercizi  isometrici:  viene chiesto di trattenere il respiro per sette secondi mentre si sta in tensione,
la  cosa più importante è concentrarsi sulla messa in tensione lentamente per circa sette secondi e rilasciare poi  la tensione lentamente.
 Alcune persone riferiscono che non possono rilassarsi,ma poiché tutti condividiamo la stessa natura biologica,  non c’è assolutamente nessuna  ragione fisica per cui il rilassamento dovrebbe funzionare per alcune persone e non per le altre. Il motivo per cui alcune volte non si ottiene il rilassamento è  di solito a causa di qualche fattore psicologico o una pratica insufficiente; in questo caso, l’individuo utilizza il sintomo che ha bisogno di trattare come una scusa per non
rilassarsi. Circa 1 persona su 10 riferisce che, quando si rilassa, entra in contatto con i sentimenti
che non piacciono  o sentimenti che  spaventano, questi sentimenti indicano che si è  in contatto con il vostro corpo di nuovo e si analizzano sensazioni che potevano  essere tenute sotto controllo per molti anni. Il rilassamento è una parte importante del recupero, purtroppo, però, molte persone si aspettano troppo e troppo presto dal training di rilassamento; ma non ci si può   aspettare di annullare anni di tensione  abituale in un paio di sedute di rilassamento. L’impazienza è
uno dei sintomi dell’ ansia, quindi è necessario capire che questa reazione è un segno che
dimostra che si ha veramente bisogno di continuare con le tecniche di rilassamento. Bisogna impostare obiettivi a lungo termine, piuttosto che monitorare i miglioramenti giorno per giorno,  è necessario rendersi conto che le cure veloci, facili per la tensione che non richiedono nessuno sforzo
 non esistono. La più lunga durata gli effetti del trattamento si verifica quando un individuo
si assume la responsabilità del suo recupero e si impegna a praticare quotidianamente una strategia di rilassamento.
 
 La gente può rispondere in modo diverso alla stessa situazione, La  risposta emotiva e il
comportamento (C) è legata al modo di pensare o interpretare (B) una determinata situazione o
evento (A).
 Tutte le persone che hanno sofferto di ansia per molti anni, spesso tendono ad aspettarsi il peggio. Il modo in cui un individuo reagisce agli eventi , è in gran parte legato  alle aspettative e alle assunzioni che l’individuo detiene circa situazioni particolari; alcune di queste aspettative e assunzioni non possono essere utili.
Aspettative quali:
? “So che sta per accadere qualcosa di terribile.”
– “Non riesco a concentrarmi e questo sta condizionando tutta la mia vita.”
– “Io sarò sempre in ansia.”
– “La mia preoccupazione mi farà impazzire”
… È probabile che l’ansia aumenti.
In genere, queste aspettative e  ipotesi sono state costruite nell’arco di un certo numero di anni,
tanto che a volte sembrano automatiche, esse, tuttavia, hanno implicazioni profonde su come  ci si sente sconvolti e come in realtà ci si comporta.
E ‘importante riconoscere che i modelli di pensiero sono inutili abitudini, e che le abitudini possono
essere modificate con  sforzo e  pratica; identificare i pensieri inutili associati all’ansia è il primo passo per cambiare il  modo di pensare.
Molto spesso queste persone si preoccupano che  i loro sintomi di ansia possano essere davvero
segni di una grave malattia  fisica sottostante, ancora non riconosciuta. Credono che i sintomi  siano effettivamente pericolosi, anche se sono oggettivamente innocui; il problema è che l’etichetta applicata è sbagliata. Sarebbe utile pensare che più ci si preoccupa, più aumenta il livello d’ansia,  e ancora  più intense saranno le sensazioni corporee sgradevoli. Pensieri utili sono generalmente:
Essere ragionevole non catastrofico

non essere autolesionista
essere logico  non illogico
essere  flessibile non rigido
Sfidare il pensiero ansiogeno.
Identificare e sfidare i pensieri inutili automaticamente  non è sempre così facile, sarebbero d’aiuto  quattro tipi di domande:
-Quali sono le prove per quello che ho pensato?
– Quali alternative ci sono per quello che ho pensato?
– Qual è l’effetto del mio modo di  pensare e fare ?
– Quali errori di pensiero sto facendo?

 Alcuni esempi di errori di pensiero comuni includono:
Pensare in  termini di tutto o niente, l’utilizzo di ultimatum, attenzione alle parole come sempre, mai, tutti, nessuno, tutto, o nulla. Chiedetevi se la situazione è davvero così netta come si pensa.
 Cambiare il modo di pensare sembra più facile di quanto non lo sia in realtà. Dopo aver identificato i pensieri inutili che contribuiscono a creare  ansia, è necessario imparare a guardare a ciascuno dei
questi pensieri oggettivamente e poi cercare una visione realistica della situazione. Per sradicare le credenze errate radicate ormai, si può aver bisogno di annotare le  preoccupazioni e ciò che si teme
e quindi valutare se il timore è giustificato o se si tratta di una visione non realistica di una
situazione. L’obiettivo per imparare a cambiare il modo di pensare non è quello di cercare di
convincersi che le cose sono migliori, anzi, l’obiettivo è quello di essere in grado di riconoscere quando un pensiero è inutile.
Queste regole non sono necessariamente vere e, durante l’infanzia, non si può essere molto
flessibili, solo con l’età adulta  le persone  tendono ad essere in grado di sviluppare norme più flessibili, imparando che non è tutto bianco o nero.
Tuttavia alcune credenze possono rimanere inflessibili, anche in età adulta, se le ipotesi di base o
credenze sono irrealistiche, allora si possono avere livelli intensi e di lunga durata di ansia o depressione. Per fortuna, le ipotesi e le convinzioni di base possono essere modificate in gran parte
allo stesso modo dei pensieri automatici.
Bisogna:

– individuare le credenze
– cercare i temi ripetuti nel monitoraggio dei pensieri  o nel diario

-chiedersi “Se questo fosse vero, cosa significherebbe per me?”
– esaminare criticamente le  convinzioni e il loro effetto sui  sentimenti e il comportamento
– considerare i vantaggi e gli svantaggi che esercita la fede
– concedersi più tempo per il cambiamento di idee e credenze nei pensieri automatici
 – individuare credenze alternative, credenze utili
Attraverso il programma, vi verrà chiesto di scrivere il  pensiero per ogni situazione o
circostanza in cui ci si sente ansiosi o preoccupati.

Gli individui affetti da ansia generalizzata si preoccupano molto, noi tutti ci preoccupiamo in qualche modo per i  problemi che potrebbero sorgere a casa o sul luogo di lavoro, per una  malattia o infortunio che affligge noi stessi o la nostra famiglia, per le  difficoltà nelle relazioni con gli altri, o anche pressioni finanziarie. Gli individui con ansia generalizzata si renderanno conto che si preoccupano troppo di queste cose, e che le preoccupazioni sono spesso irrealistiche. Purtroppo, è questo tipo di preoccupazione che può interferire con il funzionamento quotidiano, e può
aumentare l’ansia e i livelli di tensione.
La preoccupazione eccessiva o rimuginare sugli eventi che ancora non si sono verificati, può far
sentire peggio di quanto è necessario e può anche accrescere la sensazione che non si può far fronte alla situazione. Si può avere una forte sensazione che stia per accadere qualcosa catastrofico, ma in realtà la preoccupazione non porta all’azione produttiva o costruttiva.
Al contrario, i problemi rimangono irrisolti, le paure non permangono, e le credenze inutili
di eventi o situazioni continuano in modo  incontrastato. Ci si può interrogare chiedendosi:

– “quante probabilità ci sono che l’evento temuto accada?”
– “E ‘imminente?”
-“ C’è qualcosa che si può fare a questo proposito?”
Se si risponde affermativamente, bisogna affrontare il problema utilizzando un’ efficiente strategia di risoluzione dei problemi.
Bisogna determinare se la preoccupazione è guidata dall’ indecisione;  molti individui con il disturbo d’ansia generalizzata,  sono ansiosi perchè si potrebbe fare qualcosa di sbagliato o prendere la decisione sbagliata.
 Può essere utile pensare a momenti in cui non si era turbati  dalle preoccupazioni,  probabilmente in questi tempi, eravamo  coinvolti intensamente in un’attività che ci  è piaciuta molto o che occupava tutta la nostra attenzione. Probabilmente avrete già notato che è difficile abbandonare i pensieri fallaci, la soluzione migliore è quella di individuare la preoccupazione, e quindi focalizzare l’ attenzione su qualcos’altro.
Bisognerebbe focalizzare l’attenzione su qualcosa di piacevole, usare i propri sentimenti come spunto per riconoscere i problemi.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2016 Frontier Theme