Trattamento e cura del disturbo di panico

trattamento e cura per attacchi di panico

TRATTAMENTO E CURA DEL DISTURBO DI PANICO

Il disturbo di panico con o senza agorafobia si verifica comunemente in pazienti che ricevono già cure primarie. I farmaci antidepressivi riducono con successo la gravità dei sintomi di panico ed eliminano gli attacchi. Gli inibitori della ricaptazione della serotonina e gli antidepressivi triciclici sono ugualmente efficaci nel trattamento del disturbo di panico. La scelta del farmaco viene fatta tenendo presente sia le preferenze del paziente, sia vagliando gli effetti collaterali. Di fondamentale importanza nel trattamento degli attacchi di panico è la terapia cognitivo-comportamentale. I medici di famiglia che non sono specializzati in terapia cognitivo-comportamentale possono indirizzare i pazienti con disturbo di panico verso terapisti che hanno questa specializzazione. La terapia cognitivo-comportamentale può essere utilizzata da sola o in combinazione con gli antidepressivi; anche le benzodiazepine sono efficaci nel trattamento dei sintomi di disturbo di panico, ma sono meno efficaci di antidepressivi e terapia cognitivo-comportamentale.

Il disturbo di panico è una condizione invalidante che è comune nei pazienti già in cure primarie . La diagnosi può essere difficile, perché i sintomi come dolore al petto e mancanza di respiro possono essere associati a condizioni potenzialmente gravi; tuttavia, una corretta diagnosi e il trattamento con i farmaci e / o terapia qualificati possono ripristinare una migliore qualità della vita.

I pazienti con disturbo di panico hanno tipicamente attacchi di panico, a rapida insorgenza e una preoccupazione persistente di avere un attacco. Gli attacchi si verificano improvvisamente e durano più di 10 minuti (anche se la lunghezza degli attacchi è variabile), possono verificarsi una o più volte alla settimana, di solito in modo imprevedibile, e possono interferire con le normali attività del paziente e il lavoro. Anche se il disturbo di panico spesso è cronico, la frequenza degli attacchi e i sintomi associati (ad esempio depressione, comportamento evitante) possono diminuire.

Un periodo preciso di paura o disagio intensi, in cui siano presenti almeno quattro (o più) dei seguenti sintomi, si sviluppa improvvisamente e raggiunge il picco nel giro di 10 minuti:

palpitazioni, tachicardia, sudorazione, agitazione,mancanza di respiro o soffocamento, dolore o fastidio al petto, nausea o disturbi addominali,sensazione di sbandamento, di instabilità, capogiri, o debolezza, depersonalizzazione (essere distaccati da se stessi), paura di perdere il controllo o di impazzire,paura di morire,parestesie (intorpidimento o formicolio),brividi o vampate di calore .
Gli attacchi possono essere così invalidanti che la persona non è in grado di esprimere agli altri ciò che le sta accadendo. Un medico potrebbe notare i vari segni di panico: la persona può sembrare impaurita o traballante, può avere respirazione rapida e profonda che causa vertigini. Gli attacchi d’ansia che si sviluppano durante il sonno, chiamati anche attacchi di panico notturni, si verificano meno spesso di quanto non facciano gli attacchi di panico durante il giorno, ma colpiscono una grande percentuale di persone che soffrono di attacchi di panico durante il giorno. Gli individui con attacchi di panico notturni tendono ad avere respirazione più affannosa e hanno sintomi di depressione e di altri disturbi psichiatrici, rispetto alle persone che non hanno attacchi di panico durante la notte. Gli attacchi di panico notturni tendono a provocare in chi ne soffre il risveglio improvviso dal sonno in uno stato di paura o terrore apparentemente senza nessun motivo. Al contrario di persone con apnea del sonno e altri disturbi del sonno, chi soffre di attacchi di panico notturni può avere tutti gli altri sintomi di un attacco di panico. Anche se gli attacchi di panico notturni di solito durano non più di 10 minuti, alla persona è necessario molto più tempo per riprendersi completamente dall’episodio. Studi recenti mettono in evidenza che gli uomini e le donne possono presentare sintomi differenti durante un attacco, in quanto le donne presentano una predominanza di sintomi respiratori rispetto agli uomini.

Il disturbo di panico, come definito dal Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, colpisce 1-3 per cento della popolazione generale a un certo punto della vita. Nel 25% dei pazienti che si presentano al pronto soccorso con dolore toracico sono stati riscontrati i criteri per il disturbo di panico.

Il disturbo di panico spesso si verifica in pazienti con agorafobia (26%) o fobia sociale (33%);circa un paziente su tre con disturbo di panico è depresso, e uno su cinque ha avuto esperienza di tentativi di suicidio; con la loro vasta gamma di problemi somatici e affettivi, i pazienti con disturbo di panico possono essere tra i più complicati e possono richiedere più tempo rispetto ai pazienti già in cure primarie.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2016 Frontier Theme