Come riconoscere gli attacchi di panico

Invito a ricordare che solo uno specialista del settore può diagnosticare correttamente un di e non altre figure come spesso succede a malcapitati pazienti che nella ricerca di iniziano a girovagare per studi professionali e non… aggrappandosi ad ogni speranza.

Una diagnosi corretta è necessaria per una corretta.

Uno studio ha dimostrato come molte persone arrivano vedere anche dieci o più medici prima di essere correttamente diagnosticati e solo uno su quattro di questi pazienti riceve, comunque, il di cui ha bisogno. Uno studio differenziale e completo della manifestazione sintomatica è base necessaria per ottenere la giusta assistenza.

Ricordiamo che ogni paziente ha una sua storia, un suo carattere, una sua personalità, una sua modalità di espressione del ; cosicché ogni paziente va trattato nello studio delle sue specifiche e uniche esigenze. Ogni paziente con di è un paziente diverso dagli altri. La , la deve essere necessariamente adeguata a quel singolo paziente e non di essere proposta in modo standard.

Sono in molti, come abbiamo già detto, i pazienti che soffrono di ; altrettante sono le persone che seguendo la giusta guariscono. In molti casi arrivano pazienti che soffrono del da molti anni; arrivano scoraggiati perché riferiscono di aver provato di tutto. Invece no, non ci si deve scoraggiare in quanto il di è un assolutamente trattabile.

Un fattore molto importante della come tra l’altro dovrebbe essere per ogni è la giusta diagnosi. Il paziente a cui viene fatta una cattiva diagnosi sicuramente verrà fatta una non mirata. In alcuni casi sbagliando la diagnosi significa fare ulteriori danni al paziente. Per questo motivo il terapeuta deve essere esperto prima di tutto a riconoscere il attraverso un’attenta diagnosi differenziale e successivamente esperto sia nella teoria che nella pratica delle strategie e delle tecniche di che devono essere utilizzate. Abbiamo più volte detto che la è la più adatta a risolvere questo .

Il di fa parte della famiglia dei disturbi d’, tuttavia è un a sè che va identificato e trattato specificatamente. Lo psicoterapeuta avrà bisogno di alcuni colloqui anamnestici per raccogliere molte informazioni sull’esordio del , le modalità di manifestazione, la sua ricorrenza. Spesso si assiste alla presenza dell’innesco di altri disturbi, come nel frequente caso in cui il paziente non curato e che si trascina da diversi anni il di porta insieme alla sua storia anche molti vissuti depressivi.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017 Frontier Theme