Curare gli attacchi di panico

Curare gli : La -

Il ha lo scopo di modificare la valutazione disfunzionale. Il paziente ha attacchi catastrofici di e di , risponde all’iperventilazione, teme reazioni fisiche ed evita situazioni. Per questo, la prima cosa è fornire informazioni su come rispondere all’attacco-fuga. Questa informazione si riflette in un opuscolo, consegnato al paziente, da leggere al momento giusto, in modo da insegnare che le sensazioni sono normali e non dannose, sono normali risposte di paura per le quali ogni organismo è preparato ad accettare, anche se potrebbero avere stimoli scomodi o sgradevoli, come l’aumento del battito cardiaco, la , l’iperventilazione che provoca vertigini o sensazione di irrealtà, non sono pericolosi per l’organismo; al contrario, sono
adatte in determinate situazioni.
In secondo luogo, un’altra parte del è finalizzato ad individuare le convinzioni aberranti del paziente e di sfidarle, vale a dire, per combatterle con argomenti razionali.
In terzo luogo,sono fornite le informazioni specifiche sugli effetti di iperventilazione in e si predispone il paziente al controllo respiratorio.
In quarto luogo, mentre si praticano le tecniche respiratorie e cognitive, il paziente può essere più volte esposto a sensazioni interne (esposizione interocettive).
Infine, potrebbe essere funzionale l’esposizione nella realtà a situazioni temute, ma normalmente questa situazione viene evitata dal paziente. Pertanto, una sequenza utile sarebbe quella di lavorare prima sul di e successivamente sull’.
Descriveremo ora il di Il paziente dopo la seduta e le tecniche utilizzate.

Sessione 1
Il paziente viene invitato a identificare le situazioni che di solito fanno verificare l’ e gli e, soprattutto, i fattori interni scatenanti. Ricordiamo che, secondo questa concezione, l’ si verifica perché inconsciamente è una leggera alterazione fisiologica che fa
scattare la paura per gli eventi che si sono verificati.
Una volta fatto questo, si offre al paziente una spiegazione razionale di ciò che è l’, che descrive i suoi tre aspetti, fisiologici, cognitivi e comportamentali; si chiede di descrivere ciò che sente, ciò che pensa e ciò che fa quando si ha un .
Il terapeuta conduce a vedere che, innanzitutto, la prima è una sensazione fisica che porta a sentirsi più ansiosi. In questo modo, pensando intensamente che qualcosa di brutto accada, si diventa più ansiosi.
In realtà, i pensieri più preoccupanti per Il paziente sono la sensazione di irrealtà, di disconnessione o di separazione e la paura rimangono sempre in quello stato che non riesce a controllare. La diminuzione del flusso sanguigno cerebrale prepara il corpo per la risposta attacco-fuga producendo
vertigini, visione offuscata, confusione, senso di irrealtà, come in un sogno.
Questo approccio è caratterizzato dall’importanza psicoanalitica ed è poco dato alla serie di fattori causali che provocano la prima . A differenza di questo approccio, però, i pazienti non hanno bisogno di conoscere le ragioni per la prima .
È interessante notare che nella prima sessione, Il paziente ha avuto un in risposta alle informazioni che stava ricevendo circa il completo. Cominciò a sentirsi in grado di continuare il , in grado di controllare l’ ed è diventata ansiosa nel dover lasciare la
stanza e andare a cercare il marito che stava aspettando fuori.
Quello che non deve mai mancare è il lavoro che viene assegnato per avere un buon risultato dal . Finora, questo lavoro consiste di auto-osservazione, seguendo protocolli standardizzati precedentemente descritti, per aumentare gradualmente la coscienza oggettiva. Si dice al paziente, infatti, di osservare la sua paura e la sua in sistemi di risposta che sono stati discussi nella sessione.

Sessione 2
Questa sessione prosegue con gli obiettivi di cui sopra per descrivere l’ e il e vengono spiegati i concetti di iperventilazione e condizionamento interocettive. Si da al paziente il compito di leggere in modo dettagliato la brochure che le viene consegnata. Da questo si può dedurre la didattica e il lavoro educativo. Rimane molto importante, però, il valore di sopravvivenza dell’ e del , la base fisiologica a queste risposte e il ruolo di mediare nelle credenze cognitive circa le sensazioni corporee. Con questo si cerca di ridurre l’ e di cercare una spiegazione del motivo per cui si ha il del e indurre il paziente a credere nell’utilità del .
Questo incontro è stato molto importante per Il paziente, perché l’incapacità di spiegare il è per lei una fonte di angoscia. Il paziente è sorpresa dal fatto che le sensazioni che ha sono le stesei che farebbe se avesse visto una ladro in casa. Il terapeuta gli fa vedere che, nel caso di un ladro, non si sarebbe
concentrata sui sentimenti e la paura intensifica le stesse sensazioni.
Il paziente si chiede come il suo senso di irrealtà possa essere protettivo. Il terapeuta sottolinea che gli eventi fisiologici portano alla protezione, non al sentimento soggettivo che è il risultato finale di tutto il processo. Anche se il senso di irrealtà non è protettivo, i cambiamenti nel flusso sanguigno al cervello sono manifestazioni rapide e profonde del sistema di attacco-fuga.
Il paziente è incoraggiata a impegnarsi nella lettura della brochure che le hanno fornito, mettendo in evidenza le parti che sembrano più importanti, basate sulla considerazione che lo sforzo di apprendimento favorisce la ritenzione a lungo termine del materiale stesso.

Sessione 3
In questa fase l’obiettivo è il controllo delle vie respiratorie.

Rieducazione respiratoria
Questo è uno dei componenti della . La base è che, secondo questa concezione di , i cambiamenti indotti da respiratorio, che a loro volta provocano paura, sono percepiti come una minaccia. In altre parole, l’ causa un aumento di respirazione. L’iperventilazione è l’aumento di produzione di ossigeno nel sangue ma, considerandolo come fattore eziopatogenetico, è una diminuzione di anidride carbonica che porta la vasocostrizione delle arterie che forniscono sangue il cervello, causando sentimenti di vertigini e di confusione. Queste sensazioni vengono interpretate come nocive e continuano ad alterare la respirazione.
La prima cosa da fare è chiedere a Il paziente di respirare rapidamente e profondamente, come se gonfiasse un pallone, per mezzo minuto. Cioè, si fa pratica di iperventilazione volontaria. Dopo questo viene chiesto di sedersi, di chiudere gli occhi e di respirare lentamente, con pause alla fine di ogni respiro, fino a quando i sono scomparsi. I che si hanno in questa sessione sono simili a quelli che si possono sentire in un : vertigini, confusione, irrealtà.
La seconda fase è quello di insegnare la base fisiologica dell’iperventilazione. L’obiettivo è quello di eliminare le credenze disfunzionali che hanno i pazienti: i di iperventilazione che
ritengono di essere dannosi e sostituiti da una informazione razionale.
Il terzo passo è quello di insegnare il controllo respiratorio. Inizia, infatti, l’insegnamento della respirazione diaframmatica, piuttosto che quella con i muscoli pettorali. Si chiede al paziente di concentrarsi sulla respirazione, contando inalazioni, e di rilassarsi.
Finora è solo questo, ma il controllo delle vie respiratorie in seguito verrà utilizzato per cercare di rilassarsi nei momenti di o di . Questo viene fatto solo quando il respiro viene gestito con facilità.
Sull’efficacia della riabilitazione respiratoria, in , non è chiara. E’ spesso combinata con altre tecniche, ma, soprattutto, il problema non è noto. Si pensa, per esempio, che la respirazione non influisca sul paziente, ma per mezzo di una distrazione si concentrerà su di esso, attraverso la sensazione di controllo che produce.

Il paziente compie un errore consueto, se si considera che questo metodo evita di perdere contatto con la realtà. Secondo gli specialisti, infatti, il contatto con la realtà non si perde in nessun modo, è solo una credenza; la respirazione può aiutare a rilassarsi e, quindi, si ha meno probabilità di sentire quel senso di irrealtà.

Sessione 4
Questa sessione è basata sul controllo respiratorio in una settimana.

Ristrutturazione
E’ rivolta a diversi obiettivi: identificare e conoscere le valutazioni disfunzionali di sensazioni corporee, vale a dire come il paziente interpreta le sensazioni pericolose, dannose e minacciose, apprendendo che queste interpretazioni, da un lato sono irrazionali e dall’altro sono inadatte perché
aumentano la paura e fanno sviluppare una maggiore angoscia.
Il paziente inizia a capire che quando qualcuno è in possa credere di commettere degli errori, come le risposte fisiologiche e comportamentali. Se qualcuno vede un probabile pericolo, è degno di attenzione in quanto le possibilità di sopravvivenza, se ridotte al minimo, sono superiori. Tuttavia, in assenza di una reale minaccia, come quando si verificano gli , potrebbero
verificarsi delle distorsioni cognitive che, di solito, sono disfunzionali.
Il processo di risposta automatica fa sì che la mente inizi a trovare una causa al pericolo. Ovviamente, in preda al , non è possibile trovare nessuna risposta e la maggior parte dei pazienti non accettano spiegazioni. La risposta è: “Se non c’è nulla che spieghi la mia angoscia e la mia , vuol dire che mi deve accadere qualcosa di brutto?”. Poi la mente inventa una spiegazione del tipo “Devo morire, devo perdere il controllo o devo impazzire?”.
Ad ogni paziente viene detto che nulla può essere più lontano dalla realtà e lo scopo della risposta all’attacco-volo è quello di proteggere il corpo e non di danneggiarlo. Ma questa spiegazione
contribuisce purtroppo a far aumentare l’, causando una crisi d’.
L’inizio del si verifica per una serie di motivi: pressioni di nelle relazioni o di lavoro che portano alla rapida produzione di adrenalina che prepara il corpo ad essere vigile. Questo approccio è importante perché si riesce a capire il motivo per cui le
crisi potrebbero diventare croniche.
La cosa interessante è che il ciclo ha delle reazioni che si alimentano a vicenda. Se il soggetto ha paura, e non trova qualcosa di cui aver paura, considera automaticamente un’intensificazione della paura come un vero pericolo. Questo può essere visto in altri tipi di . Si tratta di un movimento automatico di funzionamento , con il quale l’attenzione alle emozioni potrebbero essere
indicatori o segnali di reale pericolo.
Nel campo delle neuroscienze, secondo LeDoux, per esempio, vi sono molti segni di paura indelebili; dobbiamo lavorare con la paura in modo da imparare a diffidarla, di non prestarle attenzione, di sdrammatizzarla e di vederla come una reazione emotiva automatica che potrebbe anche diventare molto spiacevole.
Questo problema non è molto facile per gli psicoanalisti, in quanto sono specializzati a fare il movimento opposto: recuperare emozioni. In altre patologie in questione, si può entrare in contatto con le emozioni negate del paziente, evitando le emozioni che il paziente potrebbe difendere. L’emozione, però, può essere qualcosa che è in eccesso nella mente del paziente e può provocare distorsioni cognitive che si traducono in maggiori difficoltà. Così nella , il paziente deve imparare a sostenere l’inizio di quelle emozioni senza considerare indicatori affidabili di pericolo.
Uno dei primi obiettivi di ristrutturazione è quello di insegnare ai pazienti di trattare i loro pensieri come ipotesi o supposizioni piuttosto che fatti. Si prevede che il soggetto porti via i pensieri e li veda come una delle interpretazioni della realtà. Si dice anche che il paziente ha la
nozione di pensiero automatico.
Una volta che è stato raggiunto il contenuto specifico del pensiero agonizzante, la ristrutturazione funziona con due tipi di errori cognitivi, che si occupano di “rischio” e di “valenza”. Il rischio di errore di sopravvalutazione è quello di sovrastimare la probabilità che un evento si verifichi, o consultare gli eventi probabili, quando in realtà è molto improbabile che si verifichi. A questo proposito, viene chiesto Il paziente di giudicare se è stato sovrastimato il rischio che un evento si è verificato nelle ultime due settimane, assicurato che sarebbe accaduto, per rendersi conto alla fine che non è accaduto. Secondo gli specialisti, il paziente pensa sempre che ciò che egli teme che può
accadere, non è ancora successo.
Le ragioni della persistenza sopravvalutano il rischio, cioè il paziente vede la causa di liberarsi dal pericolo trovando un altro modo: “Se non avessi preso l’ ansiolitico, sarei svenuto,” o “Per fortuna sono riuscito a trovare ”. In entrambi i casi la causa è attribuita alla fortuna.
Con questo tipo di attribuzioni causali, il paziente non si rende conto che le previsioni sono sbagliate. Per questo vi è una persistenza nella sopravvalutazione del rischio e molti pazienti pensano che il “grande attacco” non è ancora avvenuto, credendo che quando la crisi si intensificherà e si verificheranno episodi catastrofici.
Qual è il metodo migliore utilizzato per mettere in discussione l’errore di sopravvalutazione del rischio? Mettere il paziente alla prova di questi giudizi di probabilità. E questo viene fatto con uno stile socratico. Infatti, il terapeuta chiede a Il paziente di giungere a conclusioni, sollecitandola ad esaminare il suo modo di pensare e di vedere l’evidenza razionale delle sue ipotesi su ciò che teme
che possa accadere.
Il paziente parla di un cugino di secondo grado di 25 anni che ha perso la memoria e si identifica con quel cugino, temendo che la stessa cosa possa accadere anche a lei. Questa potrebbe essere un’esperienza abbastanza forte, tanto da essere traumatica e svolge un ruolo importante nello scatenare i.

Sessione 5
In questa sessione iniziare a utilizzare il controllo respiratorio applicato a situazioni di .
Il secondo errore molto importante è il catastrofismo. Questo errore comporta la visualizzazione di un evento pericoloso, insopportabile, catastrofico che non è in realtà, ad esempio si pensa: “Se dovessi uscire, la gente pensa che io sia debole “, o “Il è la cosa peggiore che si
possa immaginare.”
Il terapeuta fa immaginare che cosa sia la paura e analizzarla quando succede, quali conseguenze porterebbe o che cosa si potrebbe fare se la paura dovesse presentarsi nelle proprie sensazioni. Ad esempio, se si perde il controllo, ci si mette ad urlare, si può dire alla gente di aver avuto una brutta giornata, si potrebbe trovare un posto per calmarsi.

Sessione 6
Questa sessione inizia con un’altra tecnica utilizzata in questo , l’esposizione interocettiva.
Questa è una tecnica che mira a ridurre il timore di segnali corporei attraverso l’esposizione sistematica e ripetuta di questi segnali. Questo può essere messo in atto attraverso degli esercizi che inducono certi sentimenti di , come l’esercizio cardiovascolare, l’inalazione di anidride carbonica e la pratica iperventilazione.
Una delle basi che giustificherebbero questa tecnica è la tendenza naturale ad evitare i sentimenti di paura che servono a mantenere la paura stessa, in quanto impedisce la valutazione disfunzionale di questi sentimenti. Così, il paziente, appena nota questi sentimenti, tende a evitare di essere distratto o di trovare elementi che forniscono la sicurezza. Si dovrebbe evitare di: guardare thriller, fare la doccia con porte e finestre chiuse e alimenti stimolanti.
L’esposizione a sensazioni spiacevoli provoca sensazioni temute, molte volte per paura che si verifica per assuefazione e si impara, successivamente, che non vi è alcun pericolo reale nelle
situazioni temute.
Si inizia mettendo su una scala le reazioni del paziente ad una serie di esercizi standardizzati. Dopo aver fatto questo, è necessario misurare il livello di , l’intensità del sentimento, la somiglianza con i sentimenti del che di solito si verificano. Il terapeuta valuta l’esercizio su una scala da 0-8 punti.
Gli esercizi comprendono:
-scuotere la testa da una parte all’altra per 20 secondi;
-mettere la testa tra le gambe per 30 secondi e sollevarle rapidamente in posizione verticale;
-correre o camminare per 1 minuto;
-trattenere il respiro più a lungo possibile;
-mantenere tutti i muscoli del corpo tesi per 1 minuto;
-spinning in una sedia girevole per 1 minuto;
-iperventilazione per 1 minuto;
-respirare più lentamente possibile per 2 minuti.
Si producono spontaneamente sensazioni che il paziente trova simili a quelle che ha quando si angoscia e, se nessuno di questi esercizi può essere paragonabile, è necessario progettare esercizi
individuali, come per esempio la paura di un rumore forte e brusco.
Se il paziente, in presenza dello specialista, non avverte nessuna paura, perché in sua presenza si sente sicuro, allora è consigliabile eseguire ogni esercizio dopo che il terapeuta finisce la sua consultazione.
Bisogna osservare che una minoranza di pazienti percepisce questi sentimenti come causa e si sente provocata dalle condizioni, inducendo la paura al minimo. In questi casi, si tende a parlare con il paziente di credenze disfunzionali sottostanti la paura di sentimenti che si possono verificare naturalmente. Queste credenze si basano sulle sensazioni imprevedibili più dannose e più
incontrollabili e se non controllate possono essere dannosi.

Sessione 7
Questa sessione inizia esaminando il controllo respiratorio e incoraggia i pazienti ad applicarlo in situazioni in cui avvertono sensazioni fisiche ansiose o scomode. Poi inizia la verifica delle ipotesi.
Questa tecnica è stata creata da Kelly ed è ampiamente usata nella per le tecniche di ristrutturazione . Sono esperimenti che hanno l’opportunità di testare, e di smentire, le previsioni allarmistiche. Per esempio, ad un paziente che sostiene di avere le vertigini, si suggerisce
di stare in piedi senza appoggiarsi al muro, per fargli vedere che non cadrà.
Sotto di esso è implementata un’esposizione interocettiva e si inizia l’esercizio che potrebbe portare ad avere meno paura, quello stabilito nella gerarchia stabilita nella sessione precedente. Il soggetto deve indicare in qualche modo (alzando la mano quando inizia a provare sentimenti durante l’esercizio) e continuare per circa 30 secondi per evitare la tendenza ad evitare questi sentimenti. Dopo una stima di si afferma che il paziente ha praticato la strategia di respirazione .
Alla fine, lo specialista sottolinea le sensazioni che il paziente ha avuto durante l’esercizio e si concentra solo su di essi per identificare le cognizioni che funzionano automaticamente e razionalmente per poi sfidare quei pensieri che sono alla luce di tutte le prove. Il terapeuta aiuta il paziente con delle domande che facilitano la generalizzazione di ciò che viene appreso dalle
esperienze che si verificano in un ambiente naturale.
Nella discussione con Il paziente, il terapeuta sottolinea che se i sentimenti di vertigini e irrealtà sono causati da , il prodotto è sempre lo stesso: sensazioni fisiche sgradevoli che portano lesioni.

Sessione 8
Si prosegue con la verifica delle ipotesi, l’esposizione interocettiva e la pratica deve essere rivista a casa, tenuto conto dei possibili comportamenti da evitare e ridurre al minimo la durata o l’intensità
delle sensazioni.

Sessione 9
L’esposizione interocettiva “naturalista” consiste nell’essere esposti a compiti quotidiani che sono stati evitati per paura di sentirsi in possesso dall’. Esempi di questi compiti sono: aerobica, salire le scale, mangiare cibi che creano una sensazione di pienezza e associati a sensazioni di , saune, caffè, ecc . Viene creato un elenco delle attività temute dal paziente e viene
stabilita una gerarchia secondo il proprio tasso di .
In questa sessione i pazienti vengono testati e preparati all’esposizione, cercando di identificare cognizioni disfunzionali.

Sessione 10
Questa sessione è caratterizzata da esercizi eseguiti da parte del cliente, chiedendogli in dettaglio il modo in cui sono stati eseguiti , al fine di identificare la dipendenza involontaria o i segnali di protezione.

L’esposizione “in vivo”
Questa tecnica terapeutica consiste nell’esporsi alle situazioni di vita reale in modo sistematicamente agorafobico. Rispetto all’esposizione interocettiva, che mira ad evitare le attività temute, l’esposizione in vivo si riferisce a situazioni in cui si prevede che si verifichi l’ e il , o quando non è possibile evitarli, o non è possibile chiedere .
La base teorica su cui si basa è molto simile a quella dell’esposizione interocettiva: si ritiene che, attraverso l’esposizione alle situazioni temute ripetute e sistematiche, gli eventi catastrofici sono improbabili e che non sono realmente tali. Tuttavia, l’estinzione della paura non sembra essere l’unico modo attraverso cui la produce i suoi effetti, infatti, viene mostrato che i risultati uguali o migliori si ottengono quando non si è esposti ad un’intensa paura, permettendo al paziente la”l’allontanamento dalla situazione” quando l’ raggiunge un certo livello, ad esempio nella forma di “fuga controllata” La spiegazione è che ci sono altri meccanismi coinvolti, come l’aumento della “auto-efficacia” proposta da Bandura e Williams. Questi autori hanno sostenuto che una motivazione fondamentale della persona umana è stata la sensazione di padronanza di svolgere qualsiasi compito, come qualcosa che dovrebbe funzionare direttamente. Il punto è che, quando l’ raggiunge un certo livello, i pazienti possono farsi sfuggire la situazione, avendo risultati uguali o più positivi e esprimere di
avere un senso di controllo.
La decisione su come l’esposizione a comportamenti “in vivo” disposto con il paziente descrive le diverse opzioni e la decisione sulla necessità o meno di coinvolgerne altri significativi nella . Si parla anche con il paziente sul perché sono falliti i tentativi precedenti di affrontare tali situazioni; di solito è perché tali tentativi sono stati fatti in modo disordinato, senza nessuna
sensazione di modalità di controllo.
Il paziente aveva due segnali di sicurezza: la presenza del marito, o almeno sapere dove si trovava, e portare un ansiolitico con sé, anche se assunto raramente. È stato assegnato il compito, sia a lei sia a suo marito, di fare un elenco agorafobico. Ogni attività è chiaramente definita in sé, non per il
livello di .

Sessione 11
In questa sessione si unisce un altro significativo. Pertanto, questa sessione comprende il dialogo con il partner, sulla base del e sulla malattia di Il paziente che ha colpito la loro vita quotidiana.
Il ruolo di rilievo si presenta come un allenatore, come qualcuno che aiuti a risolvere insieme i compiti. Il lavoro è l’identificazione delle cognizioni disfunzionali sfida e la prossima operazione è l’esposizione in vivo; in questo modo il terapeuta può correggere ogni membro che viene testato
nella sessione.
A questo punto è importante avere un buon stile di comunicazione tra i partner.
Essa istruisce l’altro nell’essere tollerante e paziente; nel dettaglio, attraverso una scala di valutazione di 0-8, si discute il livello di , soprattutto quando si è insieme ad altri, evitando la sensazione di disagio.

Sessione
Durante queste sessioni si sta esaminando la pratica di esposizione in vivo e il terapeuta sorveglia il lavoro di entrambi i pazienti. Emergono nuove cognizioni di pericolo che si trovano ad affrontare
con la stessa tecnica precedente di ristrutturazione .
Terminato il , Il paziente, in otto settimane, non ha sofferto più di , raramente ha sentito vertigini o avvertito un senso di irrealtà. Lei e suo marito hanno deciso di continuare la pratica di esposizione in vivo per un paio di mesi, per consolidare l’apprendimento.

Commento critico
E’ stato utile introdurre così da vicino l’esperienza di un effettuato da approccio -.
In conclusione, la ha dimostrato di essere altamente efficace, con un indice tra 80 e 100% di remissione dei al termine del .
Qualsiasi psicoanalista con esperienza può fornire esempi di “ di e di ”.
La domanda è: quali fattori causano un di con ? Ed è superato con percorsi diversi terapeutici? Può essere che ci sono fattori comuni che sarebbero stati trattati indipendentemente dal tipo di approccio ma anche dalla qualità emotiva della relazione terapeutica stessa.
Così, un - effettuato da un terapeuta sensibile e professionale, porta una sensazione riassicuratrice, un’esperienza emozionale correttiva, dalla via diretta all’inconscio. E, d’altra parte, nella psicoanalitica, una rinascita emotiva nelle sessioni nel contesto riassicuratore renderebbe le sensazioni che si stavano perdendo catastrofiche.
E’ chiaro che ci sono pazienti che beneficeranno più di un tipo di rispetto ad un altro. La spiegazione possibile è che ci sono due tipi di : alcune sono quelle da cui deriva la malattia e altre che aiutano a mantenerla. Il psicoanalitico si concentra sul primo tipo di , mentre il - si concentra sull’ultimo. A seconda di quali fattori sono più importanti in ciascun paziente, sarà più aiutato da uno o dall’altro tipo di . In un primo tipo di paziente, il che proviene da fattori causali sarebbe il più decisivo, e quindi approfittiamo dei benefici del psicoanalitico. D’altra parte, invece, i pazienti trattati con un approccio psicoanalitico, persistono nei loro di e/o di e a migliorare in altri fattori di personalità come l’auto-consapevolezza e un maggior equilibrio interno.
Considerando che la mente è come se fosse una macchina, non sempre a causa di una motivazione implicita, e se si considera che, secondo LeDoux, la memoria emotiva è indelebile, è coerente l’attenzione ai modi di lavorare. In questo senso, un lavoro di ristrutturazione , con la quale i pazienti sono tenuti a dare un nuovo significato alle sensazioni corporee, e non considerare segnali di pericolo, devono essere specificamente inclusi tecnicamente nel lavoro.
Un altro problema che si evidenzia in questo approccio è il riconoscimento del paziente come una persona che mantiene sempre una parte cosciente, con la quale ci si deve alleare, chiedere la sua collaborazione e farla partecipare alle decisioni prese all’interno della linea di da seguire. Questo significa lavorare non solo con la sua parte inconscia da bambino, ma anche con la parte più matura e razionale. Nei manuali di , implementato da Kelly, il paziente viene considerato come qualcuno che si dovrebbe aiutare per valutare le prove all’interno di un alleanza di lavoro terapeuta-paziente, definita come “l’empirismo collaborativo” di Beck.
Infine, c’è l’aspetto di , la riabilitazione respiratoria, gli interocettivi di decondizionamento e dell’esposizione al vivo. Questa parte è quella che rompe con la tendenza classica psicoanalista di azione, evitando di assumere un ruolo chiaro di direzione o pedagogico.
“Queste procedure, che alla fine possono contribuire a sentimenti di auto-efficacia, riconoscono e mettono a disposizione la consapevolezza analitica che la progressiva limitazione del cambiamento strutturale non è sempre e solo nelle attività della situazione psicoanalitica, ma anche nelle azioni nuove e costruttive adottate al di fuori. Concepire l’intrapsichico contro il regno esterno, e allo stesso modo le tecniche psicoanalitiche orientate all’azione, come in passato, è un concetto limitante. Metodi per la promozione di azioni di adattamento non necessariamente si devono violare, ma spesso devono operare in sinergia con le operazioni di base del modello psicoanalitico
bipersonale.
La cosa importante è non perdere le migliori caratteristiche dell’essere psicoanalisti, il modo peculiare di ascoltare e di capire la soggettività del paziente e farsi coinvolgere in questa relazione. Siamo in grado di mantenere questo atteggiamento, mentre prendiamo altri ruoli all’interno della sessione, ruoli che coinvolgono consulenza, attività didattiche. Si tratta di una domanda di flessibilità nei ruoli che giochiamo. Se impariamo questa flessibilità, siamo in grado di integrare queste attività all’interno della nostra visione di psicoanalisti, in modo che, in seguito, possono anche essere analizzati in termini di significati emersi, il ruolo del terapeuta è l’interpretazione stessa del paziente . In altre parole, il nuovo ruolo da studiare è includere la prospettiva del trasferimento, in modo che il nostro approccio non perda ma vinca.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017 Frontier Theme