La tachicardia nell’ansia: cos’è e come evitarla

La nell’: cos’è e come evitarla

Evitare la nelle crisi di :
Non è necessario essere un ipocondriaco nelle e in alcuni dei di . Tachicardia o palpitazioni, così frequenti nei disturbi d’, sono quei che ci portano a pensare che qualcosa di grave ci sta accadendo.
Va chiarito che il cambiamento della frequenza cardiaca, a causa dell’, non pone alcun pericolo per la nostra salute, ma questo è qualcosa che accade, o che razionalizziamo, solo quando stiamo soffrendo. In ogni caso, la non comporta rischi, ciò, però, non significa che dobbiamo soffrire più. È per questo che abbiamo cercato alcuni trucchi per alleviare la nelle crisi di .

Non essere spaventato dalla :
Improvvisamente si inizia a notare come il cuore batte più velocemente e più forte, come se stesse per uscire dal petto, improvvisamente il ritmo cambia e sembra che abbia smesso di battere. Poi torna tutto al punto di partenza.
Aritmie, o palpitazioni sono di e possono anche essere il primo sintomo di un attacco di .
In questo momento quello che succede di solito è che si paura che accada qualcosa di grave, pensando anche nella morte, e non si può immaginare come e quando finirà questo malessere.
La è un sintomo di che comporta rischi per la salute ed è un episodio che dura solo pochi minuti, anche se sembrerebbe un eternità.
Prima di escludere che la negli attacchi di non pone alcun rischio per la salute, o un attacco di cuore o un ictus o qualcosa di simile, ci si dovrebbe recare da un medico per escludere qualsiasi altra condizione medica. Una volta confermato che la dipende dal d’, allora è possibile rimuoverla.

Consigli per evitare la nelle crisi di :
Fino a quando non si è completamente in grado di gestire l’, può capitare, di tanto in tanto, di avere episodi di . Per sbarazzarsi dell’, è necessario seguire alcuni semplici passi per ridurre la . Quando si inizia a notare che il vostro cuore inizia ad avere delle palpitazioni più frequenti, non abbiate paura: è l’.
Prova a sdraiarsi sul letto o sul divano e cerca di visualizzare un’immagine piacevole e tranquilla, come il mare calmo e il cielo sereno. Fai un respiro profondo e consapevolmente inizierai a rilassarti un po’. Non pensare a come il cuore batte, ma pensa a qualcosa di diverso, ad una conversazione in sospeso o ad un film che hai visto ultimamente. Dimentica, però, il ritmo del cuore.
Il ritmo del tuo cuore si autoregola dopo pochi minuti, saranno anche di meno se ti fermi a pensare a quello che sta succedendo. Per sentirsi più sicuri è possibile inserire nella dieta il magnesio,un buon regolatore della frequenza cardiaca. E naturalmente, il consiglio è quello di ridurre il più possibile la quantità di caffeina.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017 Frontier Theme