Terapia cognitiva dell’ansia

terapia cognitiva dell ansia

LA TERAPIA COGNITIVO COMPORTAMENTALE DELLANSIA

In molti studi, la è risultata il miglior per i disturbi di attacchi di e d’. E’ particolarmente efficace per combattere gli attacchi di , con un successo dell’80- 90% dei casi. La ha due componenti: l’identificazione e l’evoluzione del pensiero dai modelli distorti che portano all’ ( ) e la desensibilizzazione dell’ attraverso l’esposizione alle situazioni temute (comportamento- ). L’importanza assegnata a ciascuno dei due aspetti dipende dalla natura del problema. Ad esempio, fobie specifiche, come paura delle altezze, sono trattate in modo efficace con la sola .; se invece, si ha , allora bisogna lavorare per cambiare il modo di pensare e di esporsi alle situazioni che si temono.

 Di seguito verranno illustrati alcuni dei principi, che vengono spesso utilizzati per aiutare le persone che soffrono di attacchi di , in modo che possano acquisire la padronanza degli attacchi stessi.

Anche se gli attacchi di sembrano usciti dal nulla, non sono altro che frutto del nostro pensiero. Solo quando vengono scissi nelle varie componenti  si può raggiungere la padronanza su di loro. L’attacco di non è che un senso d’ soffocante e un errore di interpretazione delle sensazioni, percepite come dannose. La convinzione che ci si trovi in pericolo non fa altro che aumentare i e la visione catastrofica degli eventi, tanto da creare un circolo vizioso tra sensazioni corporee, pensieri distorti e che possono sfociare repentinamente in un attacco di . Il vero problema è la convinzione errata che ci si trovi in pericolo di vita, non il in se e per se, poiché questo è solo la manifestazione emotiva di tali pensieri. Quando si giunge a comprendere che queste credenze sono errate, arrivando ad un livello più profondo, allora, si è padroni del .

A disposizione delle persone che soffrono di attacchi di , c’è la - . Ovviamente il livello cambia da persona a persona  a seconda della gravità del , ognuno troverà qualcosa che si adatti al problema. Gli operatori  sanitari che trattano questi disturbi, sono convinti che ogni persona può giungere ad un totale recupero dai.

Il primo passo verso il recupero è una buona diagnosi, non si può risolvere un problema se non lo si conosce. Una volta che è stata fatta la diagnosi, il recupero è già in atto, anche se bisogna ricordare che è necessaria disciplina e dedizione perché si possa risolvere il problema.

Un popolare metodo di risoluzione del consta di 5 passi:

  • Formazione: al fine di superare gli attacchi di è necessario capire qual è la causa scatenante; spesso proprio la comprensione del problema è la chiave per la guarigione.
  • Fisica: ci sono alcuni rimedi fisici quali rilassarsi, mantenere un certo grado di equilibrio durante l’attacco di , fare aerobica, una dieta sana, un bagno caldo ed eventualmente aiutarsi con bevande rilassanti quali tisane e camomilla.
  • Meditazione: questo include tutte le tecniche di rilassamento che sia meditazione, preghiera, tecniche visive.
  • La : l’unica forma di che risulta veramente efficace per la di attacchi di . La sua efficacia è ampiamente studiata da ricercatori  universitari. La - insegna il modo per gestire gli attacchi di .
  • Farmaci: trovare la giusta forma e dose del farmaco può aiutare a combattere il .

Questo programma ha spesso aiutato i pazienti a sentirsi meno debilitati dall’attacco di , anche se lavorare con un professionista può rendere l’intero processo più facile e veloce nel successo.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017 Frontier Theme